Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'infungibilità nell'attuazione dei provvedimenti cautelari

Ho svolto un lavoro distinto in tre parti fondamentali.
La prima dedicata alla era natura e disciplina attuativa dei provvedimenti cautelari, partendo da Liebamn fino ai giorni d'oggi, sia concentrandomi sull'idea di unicum del procedimento, sia soffermandomi sul carattere anticipatorio della sua azione.
Il secondo capitolo riguarda principalmente l'infungibilità, le sue misure coercitive indirette, gli esempi nel nostro ordinamento e le derivazioni straniere (Astreinte, Zwangsstrafen etc etc).
Il terzo capitolo è un mix fra i due, non solo a livello normativo ma principalmente giurisprudenziale, cercando di creare un collegamento fra l'art. 669 duodecies ed il nuovo art. 614 bis.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 L'ATTUAZIONE DEI PROVVEDIMENTI CAUTELARI ex 669 DUODECIES 1. Premessa. 1.1 L'attuazione cautelare: unità del provvedimento cautelare. 2. Provvedimenti anticipatori e conservativi. 3. Ambito applicativo dell'art 669 duodecies. 4. L'attuazione dei provvedimenti cautelari aventi ad oggetto ordini al pagamento di somme di denaro. 4.1 La competenza. 4.2 I rapporti con il Libro terzo del codice: la questione del titolo esecutivo e la par condicio creditorum. 4.3 Segue: la disciplina applicabile. 4.4 La tutela delle parti e dei terzi. 5. L'attuazione degli obblighi di consegna, rilascio, fare e non fare. 5.1 "Il giudice che ha emanato il provvedimento cautelare": giudice-persona fisica o giudice-ufficio giudiziario? 5.2 Segue: la competenza in caso di reclamo. 5.3 Le modalità d'attuazione. 5.4 segue: la reclamabilità del provvedimento attuativo; altre norme specifiche in tema di modalità di attuazione. 5.5La tutela delle parti e dei terzi. 1. Premessa La legge 26 novembre 1990 n. 353 ha introdotto nel nostro ordinamento il procedimento cautelare uniforme. Così ha soddisfatto finalmente le richieste di dottrina e giurisprudenza in materia di tutela cautelare, relativamente alla valorizzazione della tutela cautelare insita nell'art. 24 Cost. Con questo primo capitolo, si ripercorreranno in primis le premesse fondamentali sul ruolo svolto nel nostro ordinamento dal provvedimento cautelare, ma soprattutto si concentrerà l'attenzione sul tema dell'unità del provvedimento cautelare soprattutto alla luce della riforma del '90. Successivamente, in modo alquanto analitico, verranno analizzati i due diversi tipi di attuazione tutela cautelare previsti dall'art. 669 duodecies c.p.c., quali l'attuazione dei provvedimenti cautelari aventi ad oggetto ordini al pagamento di somme di denaro, e l'attuazione degli obblighi di consegna, rilascio, fare e non fare. 1.1 L'attuazione cautelare: unità del provvedimento cautelare L'articolo 669 duodecies c.p.c., è frutto della riforma legislativa, avvenuta con L. n. 353 del 1990, che ha introdotto nel nostro ordinamento il processo cautelare

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Lorenzo De Santis Contatta »

Composta da 173 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 986 click dal 16/07/2012.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.