Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I contratti relativi ad edifici in corso di costruzione: preliminare di vendita, vendita di cosa futura, appalto

La tesi in oggetto ha perseguito lo scopo di illustrare come, mancando nell'ordinamento giuridico italiano un completo ed organico intervento del legislatore, l'autonomia privata possa realizzare mediante strumenti contrattuali, il trasferimento della proprietà di edifici in corso di costruzione. Sono state analizzate a fondo sia la forma classica per effettuare tale trasferimento (il contratto di appalto), sia una forma meno usata ma tecnicamente valida (il contratto di vendita di cosa futura), per poi passare alla tecnica contrattuale che allo stato attuale risulta essere la più adatta ed utilizzata dall'autonomia privata, ossia il contratto preliminare di vendita. Esaurita l'analisi delle tre forme sopra citate mediante un completo utilizzo della dottrina e della giurisprudenza (a partire dal 1943), è stato studiato in modo approfondito, nell'ultimo capitolo, un sistema giuridico a noi vicino, quale è quello francese che, invece, disciplina in modo puntuale il trasferimento della proprietà degli edifici in corso di costruzione.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione L’analisi avviata con questo studio avrà ad oggetto l’individuazione delle diverse tecniche contrattuali che il sistema offre per realizzare il trasferimento di proprietà di immobili in corso di costruzione. E' bene premettere che nell'ordinamento italiano non si rinviene un intervento del legislatore che abbia disciplinato in modo organico e completo la materia attraverso l’indicazione di specifici strumenti contrattuali da utilizzare e di particolari procedure che devono essere seguite. Tuttavia l’ordinamento non è privo di forme contrattuali che l’autonomia privata può impiegare per realizzare i propri interessi anche nell’ambito che a noi interessa. In particolare, tre sono gli schemi tipici contrattuali, disciplinati dal codice civile, che possono avere ad oggetto anche il trasferimento di immobili in costruzione e saranno questi ad essere analizzati nel corso del lavoro: - il contratto preliminare (di vendita) di bene futuro; - la vendita di cosa futura; - l'appalto. Come già detto, in Italia manca una legge di riferimento; diversamente in altro ordinamento giuridico, quale quello francese, per tradizione codicistica vicino al nostro, per il trasferimento di edifici in corso di

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Davide Carlevaro Contatta »

Composta da 355 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5094 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 16 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.