Skip to content

Biocombustibili: una scelta sostenibile?

Informazioni tesi

  Autore: Arianna Penna
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Davide Barrera
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 70

Nel 1987 nel rapporto "Our common future" elaborato dalla premier norvegese Gro Harlem Brundtland e dai suoi collaboratori all'interno della Commissione mondiale su Ambiente e Sviluppo venne coniato il termine sviluppo sostenibile: esso sta a indicare lo sviluppo che soddisfa i bisogni del presente senza compromettere la possibilità delle generazioni future di soddisfare i propri.
Nel 1997 il Protocollo di Kyoto (entrato poi in vigore nel 2005)impegna i 169 paesi firmatari a ridurre del 5%, nel periodo dal 2008 al 2012, le loro emissioni di gas serra rispetto alle percentuali del 1990. Per raggiungere tale obiettivo i paesi firmatari dovettero organizzare azioni finalizzate anche alla riduzione dell'uso di combustibili fossili e alla sostituzione delle fonti energetiche non rinnovabili con altrettante rinnovabili tra cui i carburanti di origine vegetale.
I biocarburanti non sono altro che propellenti ottenuti in modo indiretto dalle biomasse, e si dividono in alcoli e oleosi.
Gli alcoli (come il bioetanolo) derivano dalla fermentazione di prodotti agricoli ricchi di zucchero come cereali, canna da zucchero, barbabietole, amidacee e vinacce. Fa parte invece dei biocombustibili oleosi il biodiesel, estratto da olii vegetali di soia, colza o girasoli con l'aggiunta di metanolo.
Sul tema della sostenibilità dei biofuels, i pareri della comunità scientifica si dividono tra i sostenitori e gli antagonisti.
Tra le problematiche più trattate da parte di entrambi i filoni di pensiero troviamo quella dell'utilizzo del terreno agricolo: i contrari sostengono che le considerevoli estensioni di terra necessarie alla produzione di biofuels non bastano per garantire anche la sicurezza alimentare umana. Gli antagonisti degli agrocarburanti sostengono inoltre che anche a causa di questi ultimi, i consumi stanno inesorabilmente crescendo. Per contro, i sostenitori dei combustibili rinnovabili sostengono che non sono i biofuels ad affamare i Paesi in Via di Sviluppo, bensì le speculazioni, le politiche sbagliate, le guerre e soprattutto il petrolio.
Una pesante critica viene mossa sulla tematica dell'aumento dei prezzi dei cereali dopo l'inizio della loro commercializzazione. Per i favorevoli a far aumentare i prezzi sono stati congiuntamente l'aumento del costo del petrolio e dei fertilizzanti chimici, i cambiamenti climatici, le speculazioni, il protezionismo da parte dei paesi sviluppati e il crescente consumo da parte dei BRICS.
Il Brasile è uno degli stati promotori del bioetanolo dal 1975 con l’introduzione del Programa Nacional do Alcòol) e attualmente, tra alti e bassi di produzione, il paese dell'Ordem e Progresso ricava dalle biomasse il 13,7% dell'energia utilizzata e fornisce alcool miscelato a benzina per una quota del 25% e biodiesel miscelato a petrodiesel per una quota del 2% nell'88% delle sue stazioni di rifornimento.
Una soluzione a questo controverso dibattito infinito forse c'è e si chiama "Biocarburante di seconda generazione", esso si differenzia da quelli esposti sinora per la fonte dalla quale si ricava, difatti possono essere ricavati dalla cellulosa, dalla canna comune, dalle alghe, dai rifiuti domestici, dagli scarti agricoli e industriali, dagli olii vegetali usati e dagli scarti animali della lavorazione della carne.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE A seguito delle conferenze, dei testi, degli studi e delle ricerche, ora come non mai è alla ribalta il tema della situazione di precario equilibrio in cui sembrerebbe versare il nostro pianeta a causa delle attività antropiche senza scrupoli ambientali. Già negli anni ’70 un gruppo di studiosi americani del MIT 1 di Boston pubblicarono un rapporto che iniziò la storia delle problematiche sullo sviluppo e sui suoi limiti, proseguendo poi la loro attività e scrivendo altri tre aggiornamenti. Il primo volume dunque, “The limits to Growth” fu commissionato al MIT dal Club di Roma 2 , fu pubblicato nel 1972 e fu scritto da Donella H. Meadows, Dennis L. Meadows, Jorgen Randers e William W. Behrens III: esso, basato sulla simulazione al computer World3, ipotizza le conseguenze della continua crescita della popolazione sull'ecosistema terrestre e sulla stessa sopravvivenza della specie umana. Il rapporto introduce il concetto di scenario, a seconda del quale ci saranno delle conseguenze ad hoc. In estrema sintesi, le conclusioni del rapporto sono che se l'attuale tasso di crescita della popolazione, dell'industrializzazione, dell'inquinamento, della produzione di cibo e dello sfruttamento delle risorse continuerà inalterato, i limiti dello sviluppo su questo pianeta saranno raggiunti in un momento imprecisato entro i prossimi cento anni: ovvero arriverà un momento in cui la capacità di carico del pianeta Terra (spiegata più precisamente più avanti) sarà superata e in cui le attività antropiche non potranno più essere svolte a causa del superamento dei limiti di rigenerazione delle risorse e a causa di una cattiva gestione dei pozzi di scarico. Il risultato più probabile sarà un declino improvviso ed incontrollabile della popolazione e della capacità industriale. È possibile modificare i tassi di sviluppo e giungere ad una condizione di stabilità ecologica ed economica, sostenibile anche nel lontano futuro. Lo stato di equilibrio globale dovrebbe essere progettato in modo che le necessità di ciascuna persona sulla terra siano soddisfatte, e ciascuno abbia uguali opportunità di realizzare il proprio potenziale umano. Nel 1992 è stato pubblicato il primo aggiornamento del Rapporto, col titolo “Beyond the Limits” (Oltre i limiti), nel quale si sosteneva che erano già stati superati i limiti della "capacità di carico" del pianeta. Già nei primi anni Novanta era emerso che l’umanità stava sempre di più crescendo nell’insostenibilità, e gli esempi non si sprecavano: il repentino disboscamento delle foreste pluviali, la probabile insufficienza nella produzione di cereali, l’aumento della temperatura globale, il buco nello strato di ozono. Il tono con cui venne scritto il secondo volume sui limiti dello sviluppo era comunque ottimistico, anche se il difficile compito dell’umanità per gli anni futuri si prospettava 1 Massachusetts Institute of Technology, Università di ricerca con sede a Cambridge, Massachusetts. 2 Associazione non governativa, no profit composta da scienziati, economisti, uomini d’affari, attivisti dei diritti civili, alti dirigenti pubblici internazionali e capi di Stato da tutto il mondo. Il suo compito è di individuare e analizzare i problemi che l’umanità si troverà ad affrontare, ricercando soluzioni possibili.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

inquinamento
sviluppo sostenibile
brasile
sicurezza alimentare
prezzi
impronta ecologica
biodiesel
biocombustibili
protocollo di kyoto
bioetanolo
deforestazione
capacità di carico
biocarburanti di seconda generazione
contrari
foresta amazzonica
limiti dello sviluppo
favorevoli
terreno agricolo
penuria idrica

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi