Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Dai villaggi alle metropoli: l’evoluzione urbana della Romania

Il presente lavoro si propone di analizzare l’evoluzione urbana della Romania nell’ultimo secolo ed è strutturato in tre diverse parti.
Il I capitolo si occupa di tracciare un quadro generale del Paese soffermandosi sugli aspetti geografici, politici ed economici e si concentra anche sul percorso effettuato per entrare nell’Unione Europea e sui relativi sforzi compiuti per il raggiungimento degli standard europei.
Il I capitolo si occupa di tracciare un quadro generale del Paese soffermandosi sugli aspetti geografici, politici ed economici e si concentra anche sul percorso effettuato per entrare nell’Unione Europea e sui relativi sforzi compiuti per il raggiungimento degli standard europei.
La parte centrale descrive la divisione amministrativa del Paese sottolineando come l’industrializzazione abbia fortemente contribuito a modificare il territorio rurale e urbano. Parte di questo capitolo è dedicata all’influenza del socialismo sullo sviluppo urbano e mette in evidenza come il piano di sistematizzazione e razionalizzazione di Ceausescu abbia determinato la struttura urbana romena.
Un’attenzione particolare è dedicata alle città di Arad, Oradea, Cluj Napoca, Constanta, Sibiu, Timisoara e, naturalmente, a Bucarest. L’evoluzione urbana della capitale è analizzata fin dalle origini quando la città era un piccolo villaggio situato sulla collina di Radu Voda, per poi soffermarsi sui cambiamenti vissuti durante il periodo socialista e termina sottolineando le trasformazioni vissute negli ultimi anni grazie ai progetti “Bucarest 2000” e “Esplanda”.
Il III capitolo si occupa dello sviluppo delle reti infrastrutturali. Vi viene destinata particolare attenzione sugli assi di mobilità su ferro e su gomma, sulle strutture portuali e aeroportuali, soffermandosi sullo stato attuale e sui lavori annunciati negli ultimi anni, nonché sui progetti previsti per i Corridoi paneuropei IV e IX.

Mostra/Nascondi contenuto.
I Introduzione La Romania è uno dei paesi piø occidentalizzati dell’Est europeo grazie alla sua posizione geografica e ai rapporti commerciali. Il contatto con l’Occidente e il retaggio comunista hanno influenzato profondamente il Paese dando vita ad un assetto urbano davvero originale. Il presente lavoro si propone di analizzare l’evoluzione urbana della Romania nell’ultimo secolo ed è strutturato in tre diverse parti. Il I capitolo si occupa di tracciare un quadro generale del Paese soffermandosi sugli aspetti geografici, politici ed economici e si concentra anche sul percorso effettuato per entrare nell’Unione Europea e sui relativi sforzi compiuti per il raggiungimento degli standard europei. La parte centrale descrive la divisione amministrativa del Paese sottolineando come l’industrializzazione abbia fortemente contribuito a modificare il territorio rurale e urbano. Parte di questo capitolo è dedicata all’influenza del socialismo sullo sviluppo urbano e mette in evidenza come il piano di sistematizzazione e razionalizzazione di Ceausescu abbia determinato la struttura urbana romena. Un’attenzione particolare è dedicata alle città di Arad, Oradea, Cluj Napoca, Constanta, Sibiu, Timisoara e, naturalmente, a Bucarest. L’evoluzione urbana della capitale è analizzata fin dalle origini quando la città era un piccolo villaggio situato sulla collina di Radu Voda, per poi soffermarsi sui cambiamenti vissuti durante il periodo socialista e termina sottolineando le trasformazioni vissute negli ultimi anni grazie ai progetti “Bucarest 2000” e “Esplanda”. Il III capitolo si occupa dello sviluppo delle reti infrastrutturali. Vi viene destinata particolare attenzione sugli assi di mobilità su ferro e su gomma, sulle strutture portuali e aeroportuali, soffermandosi sullo stato attuale e sui lavori annunciati negli ultimi anni, nonchØ sui progetti previsti per i Corridoi paneuropei IV e IX. Il tema della tesi, infine, è stato scelto per l’interesse nei confronti dell’Est europeo, in modo particolare verso la Romania, considerata una realtà molto vicina al nostro Paese tanto che città come Timisoara sono considerate una provincia italiana per la presenza dei numerosi imprenditori veneti nella città; a ciò si

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Adelaide Simonetti Contatta »

Composta da 57 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 455 click dal 24/07/2012.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.