Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Pro Loco: la valorizzazione della Bassa Sabina.

In questa sede viene analizzata le modalità di valorizzazione di una precisa area della Sabina effettuata dalle associazioni di volontariato Pro Loco.
La scelta di analizzare le attività di valorizzazione della Bassa Sabina, svolte precisamente dalle associazioni Pro Loco, nasce dalla mia personale convinzione che la Sabina è un territorio ricco di storia e di aspetti culturali e folcloristici, ma in cui non è presente una valida strategia di promozione e valorizzazione. Inoltre ritengo utile mettere in luce il ruolo che le Pro Loco rivestono in ambito turistico e che, nonostante tale funzione, non sono coinvolte dagli Enti Locali, nella pianificazione di strategie rivolte allo sviluppo turistico.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE La Sabina è un’area in cui è presente un vasto patrimonio archeologico, storico, ambientale e culturale. Molti sono i centri storici che conservano la propria impronta storica. Ma nonostante la varietà della gamma di attrattive presenti sul territorio, non viene registrato un movimento turistico importante. In questa sede viene analizzata la modalità di valorizzazione di una precisa area della Sabina effettuata dalle associazioni di volontariato Pro Loco. L’area è situata ad Est nella Provincia di Rieti e confinate con la Regione Umbria a Nord e la Provincia di Viterbo ad Ovest. Comprende 16 comuni: Montasola, Cottanello, Configni, Vacone, Montebuono, Torri in Sabina, Casperia, Roccantica, Cantalupo, Poggio Catino, Poggio Mirteto, Stimigliano, Forano, Selci in Sabina, Collevecchio e Magliano Sabina. La scelta di analizzare le attività di valorizzazione della Bassa Sabina, svolte precisamente dalle associazioni Pro Loco, nasce dalla mia personale convinzione che la Sabina è un territorio ricco di storia e di aspetti culturali e folkloristici, ma in cui non è presente una valida strategia di promozione e valorizzazione. Inoltre ritengo utile mettere in luce il ruolo che le Pro Loco rivestono in ambito turistico e che, nonostante tale funzione, non sono coinvolte dagli Enti Locali, nella pianificazione di strategie rivolte allo sviluppo turistico.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Umanistiche

Autore: Silvia Guidi Contatta »

Composta da 128 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1280 click dal 26/07/2012.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.