Skip to content

Art. 260 d. lgs. 152/2006: attività organizzate per il traffico illecito di rifiuti

Informazioni tesi

  Autore: Greta Fabiano
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Bergamo
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Operatore giuridico d'impresa
  Relatore: Giovanni De Santis
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 88

L’articolo 260 del decreto legislativo numero 152 del 2006, ovvero del Testo Unico Ambientale, tratta il delitto di attività organizzate per il traffico illecito di rifiuti.
Al fine di entrare nel vivo dell’analisi di questo articolo, occorre prima fare un necessario quadro introduttivo riguardo l’ambito in cui si colloca tale reato; infatti, possiamo parlare di diritto penale dell’ambiente, il quale è un ramo introdotto in modo importante nell’ordinamento italiano solo in tempi recenti.
È emerso quanto il diritto ambientale sia saturo di contraddizioni ma soprattutto ricco di numerosissime, e non raramente contrastanti, fonti normative; ciò comporta una notevole difficoltà nell’applicare il dettato legislativo in caso di reati a danno dell’ambiente.
La legislazione italiana a riguardo fa derivare i propri dettati dalle normative comunitarie, in particolar modo sono le direttive della Comunità Europea a stabilire i princìpi generali, che poi verranno adottati dai vari Paesi membri. La Comunità, inoltre, contribuisce a definire il concetto di ambiente e le funzioni da assolvere, con riferimento anche alle funzioni spettanti agli Stati e alle loro diramazioni.
Nel caso specifico, le direttive più importanti sono state senza dubbio due. La prima è la direttiva 2004/35/CE, la quale svolge il compito di approcciare il tema della responsabilità derivante da danno ambientale, e comunque contribuisce a dare una prima ordinata sistemazione alle numerose legislazioni; purtroppo però essa da sola non è stata sufficiente a compiere l’arduo compito di porre un ordine nella materia, ed inoltre non ha apportato le innovazioni sperate.
L’altra direttiva, forse la più importante, è la numero 2008/99/CE; con essa ci si pone l’obiettivo prima di tutto di armonizzare tutte le legislazioni statali riguardo proprio il diritto dell’ambiente, quindi costituisce senz’altro un deciso input per tutti gli Stati membri al fine di sanzionare adeguatamente i crimini ambientali come ad esempio proprio il traffico illecito di rifiuti. Purtroppo, nonostante questa direttiva apporti importanti novità e faccia un po’ di chiarezza, anch’essa non basterà per raggiungere il difficile (quasi impossibile) obiettivo di attuare una legislazione chiara e uniforme che possa essere recepita da tutti gli ordinamenti interni della Comunità.
Si prende in esame oltretutto un fenomeno di assoluta importanza quando si parla di ambiente: le ecomafie. Questa parola indica l’attività di alcune organizzazioni dedite ad affari di natura criminale, e questo “movimento” ha preso piede soprattutto a partire dagli anni ottanta. Queste organizzazioni hanno una vera e propria struttura di impresa: talvolta sono imprese lecite all’apparenza, ma con traffici illegali nascosti.
Legambiente si occupa di analizzare fenomeni come questo, e fornisce anche dati interessanti che riguardano le gestioni dei rifiuti, ovviamente contro la legge, ed i traffici che li coinvolgono. Il principale problema che ci si pone è come sanzionare queste attività delittuose: infatti si è molto discusso se applicar la normativa che punisce le associazioni a delinquere e, in questo caso, se aggravarla o meno.
Il decreto legislativo 152/2006 ha come “precursore” il decreto Ronchi, il numero 22 del 1997; l’art. 53-bis di quest’ultimo tratta infatti l’attività di traffico illecito di rifiuti, ed esso viene accolto con grande entusiasmo, poiché è la prima normativa in assoluto che tratta l’argomento e sanziona questa attività criminale. L’art. 260 del Testo Unico Ambientale è in collegamento stretto con l’art. 53-bis citato, poiché tratta lo stesso reato ma in maniera più approfondita. Molti sono gli aspetti della norma da analizzare: essa infatti contiene termini che hanno suscitato dubbi e perplessità circa la loro interpretazione, come ad esempio “abusivamente”, “quantità ingente”, ecc.
Si può dire insomma che l’art. 53-bis prima, e l’art. 260 poi, prevedono e disciplinano per la prima volta un delitto di grande importanza e anche molto diffuso nelle organizzazioni criminali dell’ambiente.
I metodi per accertare l’esistenza o meno di codeste organizzazioni e di questi traffici illeciti sono vari: le intercettazioni telefoniche ed ambientali rappresentano uno strumento estremamente valido ed efficace per reati di questo genere, insieme alle videoriprese, alle perquisizioni e ai sequestri. Sono tutti metodi invasivi, soprattutto i primi due: ciò comporta aspri dibattiti in dottrina e in giurisprudenza, poiché si deve tracciare il confine tra necessità dell’uso di tali strumenti, e diritti dell’individuo alla privacy e alla libertà.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Inizialmente, l’argomento di questo lavoro doveva essere un altro: doveva consistere, infatti, nell’analisi della legislazione sui rifiuti e delle nuove normative, in continua evoluzione, sul tema SISTRI e la tracciabilità dei rifiuti. Provvedendo però alla ricerca del materiale sui rifiuti, mi sono imbattuta frequentemente in testi, articoli e normative sull’attività di traffico illecito di rifiuti, e mi sono resa conto di voler approfondire questo particolare aspetto, poiché interessata all’aspetto penale che esso inevitabilmente coinvolge. La mia ricerca verte sull’analisi dell’argomento seguendo tre grandi filoni: il primo capitolo infatti riguarda quegli elementi di base che concernono la tutela dell’ambiente, come ad esempio la sua evoluzione, il fenomeno delle ecomafie e il ruolo che alcune direttive europee, e in generale tutto il panorama dell’Unione Europea ha avuto ed ha tutt’ora nella materia. Si passa poi ad analizzare in concreto l’articolo 260 del Testo Unico Ambientale: grazie alla dottrina e alla numerosa giurisprudenza in materia, ho avuto la possibilità di poter approfondire ogni aspetto della normativa e di capire gli elementi e la strada che hanno portato all’adozione del decreto legislativo 152/2006 dopo vari tentativi di dare omogeneità ad una materia per niente semplice, anzi, piuttosto ostica. Verranno inoltre riportati alcuni dati e alcune riflessioni molto interessanti da fonti quali Legambiente sulla situazione dei rifiuti, del loro traffico illegale e dell’inquinamento presenti in Italia. La terza parte ho ritenuto opportuno dedicarla ad elementi “accessori”, ovvero i profili procedurali che stanno attorno all’art. 260: si tratta delle intercettazioni ambientali, visive, delle perquisizioni e i sequestri, argomento peraltro di grande attualità e che suscita sempre accesi dibattiti, anche per i problemi che essi possono arrecare alla privacy e alla riservatezza delle persone. Si tratta di un argomento, come si vedrà, saturo di complicazioni, come ad esempio la sovra legislazione (e quindi la confusione che essa genera), l’aspetto delle sanzioni che tutt’oggi non risulta definito, il recepimento delle direttive comunitarie da parte della legislazione interna, il quale peraltro non sempre è riuscito rispettando a pieno le linee indicate, le differenti e talvolta opposte opinioni della dottrina riguardo ogni aspetto

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

rifiuti
d.lgs.152/2006
traffico illecito
testo unico ambientale
traffico illecito rifiuti
traffico rifiuti

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi