Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le operazioni militari all'estero: evoluzione giuridica ed applicazione del diritto internazionale.

La fine del bipolarismo conseguente alla dissoluzione dell'U.R.S.S. e l'acuirsi delle differenze di ricchezza tra i paesi sviluppati e quelli in via di sviluppo hanno repentinamente e profondamente mutato i rapporti internazionali determinando l'insorgere di conflitti non pienamente codificati dall'ordinamento nazionale ed ancora oggetto di esame della "giovane" giurisprudenza degli organi penali internazionali.
Scopo della presente ricerca è quello di inquadrare le "operazioni di supporto alla Pace", P.S.O., svolte nell'ambito di tali conflitti, rispetto al diritto internazionale umanitario e nazionale, cogliendo l'obsolescenza e la contraddittorietà di alcune norme, auspicando un intervento normativo "ad hoc" a tutela delle nostre truppe.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Si vis pacem, para bellum. Così dicevano i Latini intendendo (o giustificando) l’ineludibilità della guerra; la storia e la maturità dei popoli l’hanno poi trasformata da strumento di espansione ai danni di altri ad extrema ratio della moderna diplomazia. La nostra Costituzione “ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali” [acconsentendo] in condizioni di parità con gli altri Stati , alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni; promuove e favorisce le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo. Il primo comma, caro ai pacifisti d’ogni tempo, esclude che l’Italia possa condurre guerre di aggressione; ma è con gli altri due che, prevedendo “limitazioni di sovranità” e “favorendo” le organizzazioni internazionali, crea la legittimazione per lo sviluppo di attività belliche quali quelle oggetto della presente ricerca, che ai nobili scopi (almeno dichiarati) oppongono un’asprezza degna delle guerre d’altri tempo. La sfida del futuro sarà quindi quella di diffondere la diplomazia e le relazioni tra i popoli allo scopo di prevenire il tanto esorcizzato “scontro di civiltà”.

Laurea liv.I

Facoltà: Interfacoltà Scienze organizzative e gestionali

Autore: Alessandro Cicogna Contatta »

Composta da 39 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 465 click dal 01/07/2013.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.