Skip to content

Effetto della Kolsterizzazione sulla resistenza all’usura e alla corrosione dell’acciaio AISI 316L

Informazioni tesi

  Autore: Michele Bianconi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria Meccanica
  Relatore: Lorella Ceschini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 237

Gli acciai inossidabili austenitici sono materiali largamente utilizzati in quei settori dell’industria in cui la resistenza alla corrosione è un requisito fondamentale; tuttavia, la loro scarsa resistenza ad usura, dovuta all’elevata tendenza all’adesione e alla scarsa resistenza a deformazione plastica, ha impedito una diffusione ancora più ampia. Nel corso degli anni sono stati effettuati vari tentativi aventi lo scopo di aumentare la durezza superficiale e le proprietà tribologiche di tali acciai: trattamenti termochimici come la nitrurazione e la nitrocarburazione, ad esempio, portano ad un incremento molto significativo della durezza superficiale e della resistenza ad usura ma, essendo caratterizzati dalla precipitazione di composti a base cromo (le temperature in gioco sono generalmente superiori ai 550°C), comportano anche un impoverimento in cromo della matrice austenitica con la conseguente diminuzione della “inossidabilità” dell’acciaio.
Per questo motivo si è reso necessario sviluppare nuove tecnologie che possano effettivamente migliorare la resistenza ad usura degli acciai inossidabili austenitici senza alterare la resistenza alla corrosione: a questo scopo sono stati messi a punto alcuni trattamenti quali la nitrurazione e la carburazione al plasma a bassa temperatura, in cui la precipitazione dei composti a base di cromo viene notevolmente limitata favorendo la comparsa, in corrispondenza della superficie dell’acciaio trattato, di una fase particolare, denominata “fase S”, caratterizzata da elevata durezza e resistenza a corrosione confrontabile con quella del materiale non trattato.
Alla categoria dei trattamenti termochimici di carburazione a bassa temperatura appartiene la Kolsterizzazione. Tale trattamento, sviluppato negli anni ’80 da B. H. Kolster e condotto a temperature inferiori a 300°C in atmosfera gassosa, permette di indurire in modo uniforme anche luoghi geometricamente difficili quali spigoli vivi, cavità e fori di pochi micron e può essere applicato con successo, oltre che sugli acciai inossidabili austenitici, anche su leghe a base nichel (come Inconel e Hastelloy) e acciai inossidabili duplex. Un acciaio inossidabile austenitico Kolsterizzato mantiene praticamente inalterati la rugosità, le dimensioni, il colore e lo stato amagnetico.
Scopo del presente lavoro è quello di indagare sul comportamento tribologico e sulla resistenza alla corrosione di un acciaio del tipo AISI 316L sottoposto ad un trattamento di Kolsterizzazione 33 (profondità di indurimento pari a 33 μm). Nella prima parte, prettamente teorica (Capitoli 1, 2 e 3), vengono richiamate le caratteristiche fondamentali e i principali metodi di indurimento superficiale degli acciai inossidabili, si introducono i concetti di base riguardanti il comportamento tribologico dei materiali e vengono descritte le proprietà della Kolsterizzazione e dei più diffusi trattamenti termochimici a bassa temperatura. La seconda parte (Capitoli 4, 5, 6 e 7) è invece dedicata alle prove condotte in laboratorio: alla caratterizzazione microstrutturale della lega in esame (Capitolo 4) fa seguito una indagine piuttosto approfondita sulle caratteristiche tribologiche dell’acciaio AISI 316L Kolsterizzato (Capitoli 5 e 6), eseguita con l’ausilio di un tribometro pattino su cilindro e di un microscale abrasion wear tester; nell’ultima parte (Capitolo 7), infine, viene confrontato il comportamento a corrosione dell’acciaio AISI 316L Kolsterizzato con quello della stessa lega non trattata in quattro ambienti differenti (H2SO4 0,5M, NaCl 35 g/l, HCl 2,5%, Oxonia 2,5%).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 1. GLI ACCIAI INOSSIDABILI 1.1 INTRODUZIONE La norma EN 10088 definisce acciai inossidabili quelle leghe ferrose che contengono cromo in ragione di almeno il 10,5%: la ragione di tale definizione va ricercata nella caratteristica di queste leghe di resistere bene ad un attacco corrosivo, proprietà posta in luce sperimentalmente a suo tempo da Tamman (Figura 1.1 [1]); gli acciai inossidabili, infatti, sono in grado di passivarsi in un ambiente sufficientemente ossidante (per esempio l’aria), ossia di formare sulla superficie una sottile (20 100 Å) ma tenace pellicola di ossido. La composizione della pellicola è variabile e dipende da molteplici fattori quali il tipo d’acciaio, la sua composizione chimica, lo stato superficiale e le condizioni di trattamento termico [2]. In questo capitolo verranno illustrate le caratteristiche generali e i principali metodi di indurimento superficiale degli acciai inossidabili, con particolare riferimento agli austenitici. Figura 1.1 Curva di Tamman.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

metallurgia
corrosione
usura
attrito
acciai inossidabili austenitici
kolsterizzazione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi