Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il cinema ''rimorchia'': le forme brevi della comunicazione audiovisiva.

Il presente lavoro vuole essere un disamina, sia pur in forma sintetica, dei mezzi della promozione cinematografica ed, in particolare, di alcuni aspetti del fenomeno trailer, nato ed evolutosi con il cinema.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Il presente lavoro vuole essere un disamina, sia pur in forma sintetica, dei mezzi della promozione cinematografica ed, in particolare, di alcuni aspetti del fenomeno trailer, nato ed evolutosi con il cinema. In Teorie del cinema 1945 – 1990, Francesco Casetti dichiara che dal secondo dopoguerra quattro fenomeni hanno influenzato l’elaborazione teorica sul cinematografo: il riconoscimento del cinema come forma di cultura, la specializzazione degli interventi, l’internazionalizzazione del dibattito e la pluralità dei modi di procedere nel far teoria 1 . Diversi approcci alla nascita e allo sviluppo della “fabbrica dei sogni” hanno, dunque, promosso l’evolversi di percorsi teorici diversi sia nei presupposti sia negli obbiettivi. Si svilupparono, infatti, tre tipi di teorie filmiche, tre paradigmi, ovvero tre «differenti modelli secondo cui impostare, condurre e esporre un’indagine. In particolare, […] tre aree: quella estetico-essenzialista, quella scientifico-analitica, e quella interpretativa» 2 , ciascuna con i suoi bisogni, le sue risorse, i suoi ambienti, i suoi strumenti e i suoi percorsi. Secondo quanto afferma Casetti, il primo paradigma si sviluppa come “teoria ontologica”, il secondo paradigma è quello delle “teorie metodologiche”, ed infine il terzo paradigma è quello delle “teorie di campo”. I tre tipi di teorie rappresentano un complesso di idee, di procedure e di risultati connessi ai profili intellettuali di chi fa ricerca, e dunque anche uno schema di riferimento condiviso da un preciso gruppo di studiosi. 1 Per l’approfondimento di questi fenomeni si rimanda a F. CASETTI, Teorie del cinema 1945- 1990, Bompiani, Sonzogno, 1993. 2 Ivi, p. 15.

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Lorenzo Alessandro Megale Contatta »

Composta da 134 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2076 click dal 10/04/2015.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.