Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La valutazione dell'impatto del microcredito come politica per lo sviluppo: aspetti teorici e metodologici

In questa tesi viene analizzato e valutato l'impatto del microcredito come politica per lo sviluppo approfondendone gli aspetti teorici e metodologici

Mostra/Nascondi contenuto.
5 1 INTRODUZIONE Scopo di questo lavoro è analizzare gli strumenti di valutazione dell’impatto del microcredito sulla povertà. Il microcredito consiste nell’erogazione di piccoli prestiti, e altri servizi finanziari o sociali, a persone normalmente escluse dai tradizionali circuiti finanziari. Idealmente, il servizio è destinato ai più poveri tra i poveri che hanno bisogno di un maggiore aiuto per uscire dalla loro situazione. L’idea di base è che, attraverso il credito, il povero possa sviluppare una microattività, che gli permetta di incrementare le proprie entrate e migliorare la sua condizione economica e sociale. Le istituzioni di microfinanza hanno sviluppato una serie di metodi per l’erogazione del servizio in grado di favorire l’accesso dei poveri al credito e, allo stesso tempo, di garantire il rimborso del prestito. Il microcredito si è fortemente diffuso, dalle prime esperienze negli anni ’70, e raggiunge oggi oltre 23 milioni di clienti, la maggioranza dei quali poverissimi. Le grandi istituzioni internazionali hanno riconosciuto la sua validità come strumento per la lotta alla povertà, ed hanno messo in atto propri progetti e attivato programmi di supporto alle istituzioni di microfinanza (vedi pag. 66). Un grosso problema è, però, riuscire, da una parte, ad identificare esattamente chi siano i più poveri, dall’altra, a valutare l’impatto che il servizio ha sulle loro vite. Effettuare questa misurazione attraverso gli indici proposti dalle istituzioni internazionali non è sufficiente, in quanto questi indici non tengono conto né delle differenze fra le diverse società in cui si sviluppano i progetti di microcredito, né delle differenze fra clienti appartenenti ad una stessa società. Diventa quindi necessario sviluppare strumenti, per la stima della povertà e per la stima dell’impatto, che siano

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Stefano Bravin Contatta »

Composta da 152 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6913 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 35 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.