Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Love Addiction. Dall'estasi dell'amore romantico alla dipendenza

In questo lavoro ho trattato il tema che più di ogni altro pervade e da senso alla nostra esistenza: l'amore. Tutti gli esseri umani hanno provato e provano l'estasi dell'amore romantico, dal mio lavoro è venuto fuori che per l'uomo amare è un istinto fondamentale, alla stregua del bisogno d'acqua o di cibo, se non di più, una necessità fisiologica. In questo lavoro presenterò anche una tesi provocatoria: l'esperienza dell'innamorarsi, radicalmente soggettiva ma universale nell'esaltazione, negli sbalzi d'umore, nell'ossessività sarebbe una forma di malattia ma non una qualunque, una malattia mentale, necessaria e per cui non vogliamo nessuna cura.
QUESTO LAVORO ERA STATO DEDICATO ALLA PERSONA CHE AMO E CHE CREDEVO MI AMASSE DAVVERO...

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE In questo lavoro tratto il tema che più di ogni altro pervade e dà senso alla nostra esistenza: l’amore. La tesi si compone di tre parti. Nella prima parte ho analizzato i risultati di un questionario somministrato a cento individui tra uomini e donne. Il questionario che ho preso in esame è quello che è stato ideato dall’antropologa Helen Fisher (2005, p. 241) Tutti gli esseri umani hanno provato e provano l’estasi e la disperazione dell’amore romantico, ne è venuto fuori che per l’uomo amare è un istinto fondamentale, alla stregua del bisogno di acqua o cibo se non di più, vale a dire una necessità fisiologica. In questa parte del lavoro, viene presentata anche una tesi provocatoria: l’amore, l’esperienza dell’innamorarsi, radicalmente soggettiva ma universale nell’esaltazione, negli sbalzi d’umore, nell’insonnia, nell’ossessività, sarebbe una forma di malattia, ma non una qualunque, sarebbe una malattia mentale necessaria e per la quale non vogliamo nessuna cura. L’amore cambia profondamente le persone, influenza il modo in cui pensano e in cui si comportano. Da sempre le persone innamorate mostrano un insieme di sintomi ricorrenti (Fisher, 2005). Alcuni di questi sintomi possono essere rintracciati nel pensiero fisso sulla persona amata, malinconia, estasi, oscillazioni d’umore. Tutti sintomi che rientrano nella diagnosi di ossessione, depressione e mania. Per moltissimi aspetti l’innamoramento sembra simulare una malattia mentale, è per molti di noi l’esperienza più vicina alla malattia mentale che ci capita di provare nella nostra vita. Una follia, l’amore, come vedremo nella seconda parte che la selezione naturale ha modellato perché al pari di altre emozioni fondamentali necessaria alla sopravvivenza del singolo e della specie. Quando l’amore causa sofferenza e dolore tutto il tempo finisce per diventare qualcosa che con l’amore c’entra ormai ben poco. Nella terza parte della tesi tratterò il fenomeno della love addiction ossia della dipendenza verso la persona amata.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Cognitive

Autore: Salvatore Cipriano Contatta »

Composta da 74 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3100 click dal 05/09/2012.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.