Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il mercato Pet Care in Italia: tendenze e prospettive

Il presente lavoro analizza il settore dei prodotti per l’alimentazione e la cura degli animali domestici, con l’obiettivo di indagare le principali tendenze dal lato della domanda e dell’offerta.
Come è emerso dalla XIV edizione di Zoomark International, il mercato del petcare è un “mercato che non conosce crisi”; infatti in un periodo di difficoltà economica come quello che stiamo vivendo tuttora, è uno dei pochi settori che ha evidenziato tassi di crescita positivi. Da qui l’interesse di studiare le dinamiche di sviluppo, le tendenze e i segnali per il futuro di questo particolare settore.
La trattazione è articolata in sei capitoli.
Il primo capitolo delinea i confini del settore e lo analizza in una prospettiva internazionale al fine di definire il quadro entro cui si inseriscono le dinamiche del mercato italiano, oggetto di approfondimento nei capitoli successivi.
Il secondo capitolo fornisce dati relativi alla popolazione animale in Italia e al valore del mercato distinguendo tra i vari comparti Pet Care: alimenti per cani e gatti, alimenti per altri animali domestici e accessori. L’analisi fornisce altresì indicazioni sull’evoluzione delle vendite nei diversi formati distributivi e nelle diverse aree territoriali. A conclusione del capitolo è esaminata la legislazione “settoriale”partendo da normative comunitarie, nazionali fino all’esemplificazione di alcune ordinanze regionali e comunali.
Il terzo capitolo, è dedicato all’analisi dell’evoluzione dell’offerta industriale con particolare riferimento alle strategie di innovazione di prodotto, branding, segmentazione e differenziazione dell’offerta. In tale prospettiva sono descritte le strategie di marketing delle principali aziende attive nel settore.
Sono state inoltre descritte le aziende multinazionali e nazionali leader nella produzione food e non food e, delineate le strategie di marketing delle stesse a seconda delle varie categorie merceologiche. A conclusione del capitolo sono state analizzate le prospettive di crescita delle aziende industriali produttrici alimenti ed accessori per animali domestici in relazione a quanto emerso dai precedenti punti del capitolo.
La struttura distributiva viene esaminata all’interno del quarto capitolo, distinguendo le realtà specializzate (Pet Shop, Garden e Brico Center e rivendite agrarie) dai formati distributivi della moderna distribuzione. Vengono inoltre descritte le condotte sul piano della manovra delle leve di retail mix della distribuzione specializzata e Mass Market, con particolare riferimento alla politica assorti mentale (comprensiva dello sviluppo Private Label), comunicazionale e promozionale.
Il quinto capitolo è dedicato al proprietario di animali domestici. Attraverso la rassegna degli studi disponibili sul tema, viene ricostruito il profilo socio-demografico dei proprietari e l’evoluzione della spesa media sostenuta per il mantenimento dell’animale posseduto. Infine vengono descritte le tendenze in atto riscontrabili nel rapporto uomo – animale e i benefici che quest’ultimo genera alla persona.
Nel sesto ed ultimo capitolo vengono presentati i risultati di un’indagine condotta mediante la somministrazione di un questionario strutturato a un campione di proprietari e non di animali domestici. La ricerca pone due macro obiettivi. In primo luogo, vuole indagare gli aspetti legati al comportamento dei proprietari nei confronti degli animali, ovvero come essi vengono considerati dai rispettivi proprietari. Si approfondisce pertanto lo studio dei fenomeni sociali al fine di ricercare gli elementi che costituiscono quella manifestazione denominata “umanizzazione dell’animale domestico”. In secondo luogo, la ricerca vuole indagare il comportamento di acquisto del consumatore riferito ai prodotti e servizi per la cura e l’alimentazione degli animali d’affezione.

Mostra/Nascondi contenuto.
8 Introduzione Il presente lavoro analizza il settore dei prodotti per l’alimentazione e la cura degli animali domestici, con l’obiettivo di indagare le principali tendenze dal lato della domanda e dell’offerta. Come è emerso dalla XIV edizione di Zoomark International, il mercato del petcare è un “mercato che non conosce crisi”; infatti in un periodo di difficoltà economica come quello che stiamo vivendo tuttora, è uno dei pochi settori che ha evidenziato tassi di crescita positivi. Da qui l’interesse di studiare le dinamiche di sviluppo, le tendenze e i segnali per il futuro di questo particolare settore. La trattazione è articolata in sei capitoli. Il primo capitolo delinea i confini del settore e lo analizza in una prospettiva internazionale al fine di definire il quadro entro cui si inseriscono le dinamiche del mercato italiano, oggetto di approfondimento nei capitoli successivi. Il secondo capitolo fornisce dati relativi alla popolazione animale in Italia e al valore del mercato distinguendo tra i vari comparti Pet Care: alimenti per cani e gatti, alimenti per altri animali domestici e accessori. L’analisi fornisce altresì indicazioni sull’evoluzione delle vendite nei diversi formati distributivi e nelle diverse aree territoriali. A conclusione del capitolo è esaminata la legislazione “settoriale”partendo da normative comunitarie, nazionali fino all’esemplificazione di alcune ordinanze regionali e comunali. Il terzo capitolo, è dedicato all’analisi dell’evoluzione dell’offerta industriale con particolare riferimento alle strategie di innovazione di prodotto, branding, segmentazione e differenziazione dell’offerta. In tale prospettiva sono descritte le strategie di marketing delle principali aziende attive nel settore. Sono state inoltre descritte le aziende multinazionali e nazionali leader nella produzione food e non food e, delineate le strategie di marketing delle stesse a seconda delle varie categorie merceologiche. A conclusione del capitolo sono state analizzate le prospettive di crescita delle aziende industriali produttrici alimenti ed accessori per animali domestici in relazione a quanto emerso dai precedenti punti del capitolo. La struttura distributiva viene esaminata all’interno del quarto capitolo, distinguendo le realtà specializzate (Pet Shop, Garden e Brico Center e rivendite agrarie) dai formati distributivi della moderna distribuzione. Vengono inoltre descritte le condotte sul piano della manovra delle leve di retail mix della distribuzione specializzata e Mass Market, con particolare riferimento alla politica assorti mentale (comprensiva dello sviluppo Private Label), comunicazionale e promozionale. Il quinto capitolo è dedicato al proprietario di animali domestici. Attraverso la rassegna degli studi disponibili sul tema, viene ricostruito il profilo socio-demografico dei proprietari e l’evoluzione della spesa media sostenuta per il mantenimento dell’animale posseduto. Infine vengono descritte le tendenze in atto riscontrabili nel rapporto uomo – animale e i benefici che quest’ultimo genera alla persona. Nel sesto ed ultimo capitolo vengono presentati i risultati di un’indagine condotta mediante la somministrazione di un questionario strutturato a un campione di proprietari e non di animali domestici. La ricerca pone due macro obiettivi. In primo luogo, vuole indagare gli aspetti legati al comportamento dei proprietari nei confronti degli animali, ovvero come essi vengono considerati dai rispettivi proprietari. Si approfondisce pertanto lo studio dei fenomeni sociali al fine di ricercare gli elementi che costituiscono quella manifestazione denominata “umanizzazione dell’animale domestico”. In secondo luogo, la ricerca

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Economia

Autore: Gabriele Saccenti Contatta »

Composta da 141 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3302 click dal 06/09/2012.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.