Skip to content

I controlli del giudice sulla pena richiesta dalle parti

Informazioni tesi

  Autore: Gianmaria Macrì
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Roma Tor Vergata
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Adolfo Scalfati
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 320

Dall’impasse creata dal sovraccarico giudiziario, problema congenito dell’ordinamento italiano, il legislatore ha cercato di uscire, senza compiutamente riuscirci, introducendo dei procedimenti speciali, all’interno dei quali si colloca il patteggiamento.
Se una “primitiva” forma di giustizia negoziata può rintracciarsi nell’art.77 della legge 689/81, l’istituto delineato negli artt.444ss c.p.p. si differenzia per la maggiore ampiezza di pena “patteggiabile”, soprattutto alla luce della riforma attuata con la legge 134 del 2003 che ha introdotto quello che viene oggi definito il patteggiamento “allargato”, ponendo, però, problemi in ordine alla natura della sentenza e all’accertamento della responsabilità dell’imputato.
Nel rito in questione, ruolo fondamentale è svolto dal giudice, a maggior ragione dopo l’intervento della Corte Costituzionale (sentenza 313 del 2 luglio 1990) che ha ridato vigore ad alcune sue prerogative dimenticate dalla prassi.
Tale arresto della Consulta, negando l’affidamento al giudice di un ruolo di mera omologazione (che lo avrebbe ridotto a svolgere funzioni para-notarili) e sottolineando l’importanza della verifica sulla congruità della pena, rappresenta fonte di ispirazione costante nell’analisi del patteggiamento, nonché dello stesso legislatore.
Dopo una prima analisi delle riforme che hanno interessato il patteggiamento, dei profili premiali a questo attinenti e delle questioni di costituzionalità a suo tempo sollevate, si tenterà una ricognizione sullo stato in cui versano oggi i controlli del giudice, domandandoci, tra i vari orientamenti esistenti, se non sia il caso di permettere, in determinate ipotesi, un maggiore potere di intervento e mediazione che vada oltre al semplice accoglimento o rigetto, così come ora configurato.
In ultimo verrà svolta una panoramica sui controlli che non interessano esclusivamente l’accordo, ma che si pongono “fuori” dalla giurisdizione propria del giudice, andando a collocarsi sul piano strettamente connesso all’applicazione della sospensione condizionale e delle sanzioni amministrative accessorie alla pena principale ove previste; giungendo a valutare i controlli di cui si è discusso in un’ottica più ampia che non sia
quella strettamente legata all’accordo delle parti.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Capitolo 1 Il patteggiamento, aspetti essenziali della disciplina Sommario: 1. Dal modello “tradizionale al modello “allargato”. – 2. Gli incentivi e la questione sulla riduzione di pena. – 3. I rapporti tra patteggiamento e gli altri riti speciali. - 4. Patteggiamento e problemi di legittimità costituzionale. §1 Dal modello “tradizionale” al modello “allargato” “L’intento perseguito dal legislatore nell’inserire, nell’ordinamento, tale forma di procedimento speciale, consiste nella deflazione della giustizia penale” 1 ; è, questo, il ruolo primario che spetta al rito dell’applicazione della pena su richiesta delle parti all’interno dei procedimenti speciali. 2 Alla base di questo 3 , come di altri riti speciali 4 , vi sono esigenze di semplificazione e di economia processuale, realizzate eliminando la fase dibattimentale 5 . 1 Ramajoli, I procedimenti speciali nel codice di procedura penale, Cedam, 1993, p.34. 2 Per una trattazione completa dei procedimenti speciali cfr. Aa. Vv., I procedimenti speciali, a cura di Dalia, Jovene, 1989, p.449ss; Giustozzi, I procedimenti speciali, in Nuovo manuale pratico del processo penale a cura di Fortuna – Dragone – Fassone - Giustozzi, Cedam, 2002, p.741ss; Vigoni, L’applicazione della pena su richiesta delle parti, in I procedimenti speciali in materia penale, a cura di Pisani, Giuffrè, 2003; Aa. Vv., Guida ai procedimenti penali speciali, a cura di Aprile – Catullo, Giappichelli, 2003; Pangallo, I procedimenti speciali, Experta edizioni, 2007; Aa. Vv., Manuale dei procediementi speciali, a cura di Dell’Andro, Celt, 2003. 3 Le radici possono individuarsi nella legge 24 Novembre 1981 n.689, recante modifiche al sistema penale, che disciplinava l’ormai abrogato istituto dell’applicazione di sanzioni sostitutive su richiesta dell’imputato, il quale costituiva una figura atipica vagamente affine al “plea bergaining” nel common law. Questo istituto fu inizialmente rafforzato con la legge-delega del 1987 con cui si obbligava il legislatore a prevedere che “il pubblico ministero, con il consenso dell’imputato, ovvero l’imputato con il consenso del pubblico ministero, possano chiedere al giudice, fino all’apertura del dibattimento, l’applicazione delle sanzioni sostitutive nei casi consentiti, o della pena detentiva irrogabile per il reato quando essa, tenuto conto delle circostanze e diminuita fino ad un terzo non superi i due

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

procedura penale
patteggiamento
giudice
accordo
patteggiamento allargato
procedimenti speciali
sospensione condizionale
riti speciali
parti
regime transitorio
art.444
legge 134/2003
riti deflativi
art.111
patteggiamento tradizionale
congruità della pena
sanzioni amministrative accessorie
esclusioni oggettive
esclusioni soggettive
riduzione di pena

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi