Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Con voce di donna: Antigone tra mito e filosofia

Antigone tra mito e filosofia, è un"viaggio" attraverso la dimensione filosofica di grandi pensatori come Hegel, Kiergaard e Maria Zambrano

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Antigone doveva essere per la mia tesi una sorta di chiave d’accesso per entrare nel complesso e misterioso rapporto tra fratello e sorella nella visione psicoanalitica. Ma tutto, o quasi, è andato diversamente perché lei, pur in punta di piedi, com’è nella delicatezza del suo stile, è riuscita ad occupare la scena in modo dirompente, tanto che ho dovuto decidere di smettere di leggere e cercare ed entrare nelle fitte trame di studi, riflessioni, nuove storie, rappresentazioni teatrali, e anche opere liriche che grandi compositori come Karl Orff hanno scritto per lei. Antigone ha avuto nella storia la forza generatrice della “grande madre”. L’ho incontrata dapprima nella tragedia di Sofocle, eroina fiera e coraggiosa, e l’ho ammirata per la coerenza con i principi profondi che la animavano rendendola ancora così viva dopo duemilacinquecento anni. La immagino dritta, testa alta di fronte a Creonte, non sprezzante ma determinata, energia femminile che si confronta e tiene testa ad energia maschile dove non è così immediatamente evidente chi avrà la meglio. Creonte vuole sopraffarla ed apparentemente ci riesce usando il potere della Legge degli uomini. Ma a ben guardare è Antigone a vincere: lei non si piega alla Legge degli uomini perché in lei c’è forte il senso del divino, e forse il senso di una Legge che trascende il divino stesso. Ho sentito il bisogno di rileggere la sua storia dall’inizio, un inizio in cui Antigone nemmeno compare, ma c’è già, c’è la sua presenza assente, c’è la sua essenza di figlia, di eroina, di santa, di sorella, una storia riassunta nelle sue parti essenziali all’inizio di questo lavoro. L’«Edipo Re» l’avevo letto per conoscere l’origine di quella che Fausta Ferraro, ripetendo le parole di Freud, più volte aveva definito a lezione “la scoperta antropologica fondamentale” dopo la teoria copernicana che toglie all’uomo il posto Antigone (Frederic Leighton, 1830-1896)

Diploma di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Monica Simeone Contatta »

Composta da 56 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1087 click dal 10/09/2012.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.