Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

''Le Forme dell'Energia''. Riqualificazione dell'area industriale di Saline Joniche

Parco solare e una centrale elettrica ad energia osmotica con centri di ricerca e servizi annessi.
L'idea progettuale nasce da una massa critica di competenze capace di portare alla realizzazione di un nuovo modello di sviluppo, non più legato ai distretti industriali, com'era accaduto dal secondo dopoguerra in poi, ma bensì orientato verso un nuovo paradigma, quello dei distretti energetici, capaci di creare innovazione attraverso sforzi congiunti di ricerca e sviluppo. Il masterplan è stato pensato attraverso Orti sperimentali capaci di raccogliere le specie più significative di piante produttrici di biomasse utile per la produzione di biodiesel; Campi di pannelli fotovoltaici, utili per la produzione e sperimentazione sull’energia solare; tutto ciò attraverso percorsi longitudinali di connessione dell’intera area dando la possibilità di percorrere spazi differenti, sommati al sistema dei percorsi trasversali. Il punto focale del parco è individuato dalla creazione di uno spazio pubblico, centrale rispetto al percorso principale, configurando una quinta urbana verso l’area naturalistica. Ed intorno a questo spazio urbano si è deciso di creare oltre a dei centri di ricerca con servizi annessi anche una centrale ad energia elettrica attraverso il processo dell’osmosi. Quindi centrale e servizi legati da un corpo longilineo che collega entrambe le cose. Per quanto riguarda il corpo dei servizi e centri ricerca è stato pensato come un corpo inclinato dove all’interno si crea uno spazio e dentro il quale ho inserito una serie di volumi che escono a sbalzo. Copertura inclinata che è stata pensata verde a dare una continuità col terreno. Copertura dove sono inseriti dei percorsi interrotti da piani orizzontali pensate come punti panoramici verso il mare e la collina. Copertura caratterizzata anche da questi volumi di vetro che contengono dei giardini posti sulla copertura dei corpi a sbalzo.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Architettura

Autore: Antonio Lupoi Contatta »

Composta da 22 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 640 click dal 10/04/2013.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.