Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Alberto Sordi. Il volto, la voce, il corpo e l'anima del secondo dopoguerra italiano

Perché il grande attore romano ha rappresentato in modo così dirompente l’interiorità e l’esteriorità, i difetti e i pregi di un intero popolo (o di gran parte di esso) soprattutto in un determinato lasso di tempo? Perché è unanimemente riconosciuto come uno dei più rilevanti interpreti emersi dal secondo dopoguerra, ed emblema della commedia all’italiana? Com’è riuscito a catalizzare l’attenzione e a imporre i suoi personaggi al grande pubblico? In definitiva, perché Sordi?
Queste le prime domande che mi hanno spinto ad affrontare l’ingombrante figura dell’attore-autore Sordi. Ho tentato di andare oltre i dati di superficie – ormai largamente noti e su cui si è scritto e discusso oltremodo – andando a sviscerare le interconnessioni psicologiche, culturali, socio-politiche e l’enorme impatto del suo italiano medio nel panorama cinematografico nazionale. Un attore a suo modo controcorrente e anticonformista che, se ha ereditato in parte gli insegnamenti del passato (soprattutto il neorealismo), ricalcando anche le tendenze e i cliché contemporanei, li ha poi sperimentati invece in chiave satirica e dissacrante, riadattandoli in funzione di un suo progetto comico ben preciso sin dagli scoraggianti e poco apprezzati primissimi esordi sul grande schermo.
Credo che le quattro componenti da me citate riguardo all’istrione Sordi: il volto, la voce, il corpo, l’anima, siano gli elementi essenziali di cui ha potuto disporre un interprete di questo calibro, i quali, complementari tra loro come pezzi di un mosaico, gli hanno consentito di affermarsi a grandi livelli.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione Alberto Sordi: il volto, la voce, il corpo e l’anima del secondo dopoguerra italiano… Innanzitutto vorrei iniziare a introdurre questo mio lavoro argomentando la scelta del titolo e le sue implicazioni semantiche. Perché il grande attore romano ha rappresentato in modo così dirompente l’interiorità e l’esteriorità, i difetti e i pregi di un intero popolo (o di gran parte di esso) soprattutto in un determinato lasso di tempo? Perché è unanimemente riconosciuto come uno dei più rilevanti interpreti emersi dal secondo dopoguerra, ed emblema della commedia all’italiana? Com’è riuscito a catalizzare l’attenzione e a imporre i suoi personaggi al grande pubblico? In definitiva, perché Sordi? Queste le prime domande che mi hanno spinto ad affrontare l’ingombrante figura dell’attore-autore Sordi. Ho tentato di andare oltre i dati di superficie – ormai largamente noti e su cui si è scritto e discusso oltremodo – andando a sviscerare le interconnessioni psicologiche, culturali, socio-politiche e l’enorme impatto del suo italiano medio nel panorama cinematografico nazionale. Un attore a suo modo controcorrente e anticonformista che, se ha ereditato in parte gli insegnamenti del passato (soprattutto il neorealismo), ricalcando anche le tendenze e i cliché contemporanei, li ha poi sperimentati invece in

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Enrico Valentini Contatta »

Composta da 148 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2925 click dal 13/09/2012.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.