Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Alla scoperta del Neuromarketing. Focus sul settore dell'automotive.

Il ruolo delle emozioni, la figura del consumatore ed il relativo comportamento, il contributo delle neuroscienze e della medicina, la critica rivolta a questa disciplina pioneristica, sono i macro argomenti che precedono lo studio pratico. L’obiettivo dell’analisi svolta è indagare sulla pubblicità televisiva relativa al settore dell’Automotive, analizzando l’impatto che essa ha sugli spettatori.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 -------------------- INTRODUZIONE -------------------- Ogni giorno siamo bombardati da decine, o forse addirittura centinaia, di messaggi pubblicitari: spot televisivi, cartelloni, affissioni stradali, giornali, banner su internet, vetrine dei negozi. Siamo colpiti da tutte le direzioni, incessantemente, da brand, marchi ed informazioni relative a prodotti nuovi e non. E’ vero, siamo tutti consumatori, chi piø chi meno, e tutti riceviamo centinaia di informazioni pubblicitarie quotidianamente. Ma, detto tra noi, cosa ci resta in testa? Cosa ricordiamo di tutto ciò che vediamo e sentiamo? Cos’è che ci attrae verso alcuni brand mentre non riusciamo nemmeno a ricordare il nome di altri? Siamo inseriti in un enorme oceano di messaggi culturali che vengono recepiti dai nostri neuroni. Tuttavia non capiamo il modo in cui essi possano arrivare al controllo dei nostri comportamenti. Proviamo, però, a vestire anche i panni di un responsabile marketing. Il suo sogno ricorrente? Ovviamente riuscire a prevedere con precisione il comportamento dei tanti consumatori di fronte ad un nuovo prodotto, ad una nuova campagna pubblicitaria. Anche il responsabile si pone diverse domande. La piø importante di queste è sapere se il nuovo spot, o la nuova pubblicità, possiede le caratteristiche giuste per funzionare, cioè per entrare nella mente del consumatore, senza essere dimenticata. L’obiettivo del responsabile marketing è, quindi, quello di far vendere i prodotti dell’azienda, possibilmente senza commettere errori, e con una dispersione minima di risorse, il che permetterebbe di avere un notevole vantaggio competitivo sui concorrenti. La chiave di risposta alle domande sia del consumatore, sia del responsabile marketing, risiede nel cervello umano e nella sua fisiologia. Ecco, allora, che l’interesse di entrambe le figure è quello di conoscere il funzionamento del cervello umano e di riuscire a capire ciò che permette di scegliere un prodotto piuttosto che un altro. Nel 2002, il Professore di Analisi di mercato della Rotterdam School of Management, Ale Smidts, ha coniato il termine Neuromarketing. Il

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Economia

Autore: Alessandra Boraso Contatta »

Composta da 184 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2665 click dal 11/06/2013.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.