Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sfruttamento della prostituzione

Questo lavoro analizza il tema dello sfruttamento della prostituzione ed i suoi rivolti legali e sociologici.

Mostra/Nascondi contenuto.
VIII INTRODUZIONE Con tale lavoro di ricerca si vuole vedere com’è disciplinato lo sfruttamento della prostituzione nel nostro ordinamento giuridico. Partendo dall’analisi della legge Merlin, risalente al 1958 e rappresentando, a tutt’oggi, l’unica normativa in materia, si passerà ad analizzare i recenti interventi legislativi e giurisprudenziali a fronte di un fenomeno che ha subito nel corso degli anni modifiche sostanziali e posto nuove problematiche. E’ da premettere che, a riguardo, il panorama del diritto interno si mostra alquanto frammentario e poco coordinato. Ci muoviamo su un terreno che incrocia varie normative, diverse per materia e collocazione: immigrazione, prostituzione, diritto penale interno, cooperazione internazionale, crimini internazionali. E’ necessario, quindi, che il legislatore intervenga, previa analisi della reale situazione, modificando, innanzi tutto, la legge del 20 febbraio 1958, n. 75, al fine di creare una chiara linea demarcatrice tra gli atti di criminalità reale, di violenza, abuso e ricatto nella prostituzione e ciò che invece non lo è. Questa chiarezza serve appunto ad avere realmente strumenti giuridici più efficaci per

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Maria Golia Contatta »

Composta da 333 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9931 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 29 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.