Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Carboidrati e nutrizione: fibra alimentare e prebiotici

Nell’alimentazione dell’uomo e degli animali i carboidrati occupano un posto di grande rilievo dal punto di vista quantitativo e il loro ruolo è prevalentemente energetico. Le principali sorgenti alimentari dei carboidrati sono rappresentate da alimenti di origine vegetale (come cereali, legumi, frutta, verdure), mentre quelli di origine animale hanno, a eccezione del latte, un contenuto glicidico molto esiguo. La maggior parte dei carboidrati ingeriti dall’organismo umano è costituita prevalentamente dall’amido, seguito da disaccaridi come il saccarosio e il lattosio. In una dieta equilibrata si dovrebbe assumere anche una determinata quantità di fibra alimentare, ma a causa del progresso della società, che ha portato raffinatezza sempre più dei cibi che mangiamo (cereali)e a causa della maggior parte delle diete odierne, ricca di prodotti animali, si nota ad una diminuzione nell’assunzione di frutta e verdura, e di conseguenza della fibra alimentare, contenuta in esse.
Di particolare rilievo sono anche i prebiotici, i quali sono stati associati ad una varietà di vantaggi sulla salute tra cui un aumento della biodisponibilità dei minerali, la modulazione del sistema immunitario, l’abbassamento dei livelli di glucosio e insulina nel sangue, effetti ipocolesterolimizzanti, la prevenzione dell'incidenza o miglioramento della gravità e della durata delle infezioni gastrointestinali, la riduzione del rischio di cancro al colon.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 1.INTRODUZIONE 1.1. I Carboidrati I carboidrati sono componenti essenziali di tutti gli organismi viventi e sono infatti le classi più abbondanti di molecole biologiche. I carboidrati sono la maggiore fonte di energia per il metabolismo, sia per le piante che per gli animali, i quali dipendono dalle piante per il cibo. I carboidrati costituiscono anche un materiale strutturale (es.cellulosa), sono contenuti nel composto trasportatore di energia detto ATP, sono siti di identificazione sulle superfici cellulari ed infine sono uno dei tre componenti essenziali del DNA e dell' RNA. Nelle cellule vegetali essi si formano come prodotti della fotosintesi, una reazione di riduzione endotermica del biossido di carbonio che richiede poca energia ed il pigmento clorofilliano. n CO 2 + n H 2 O + energia solare C n H 2n O n + n O 2 Il nome carboidrati, che letteralmente significa “idrati di carbonio”, deriva dalla loro composizione chimica che è C x (H 2 O) y . Dal punto di vista strutturale i carboidrati sono polidrossialdeidi o polidrossichetoni. La presenza simultanea dei gruppi OH e del gruppo aldeidico o chetonico, tuttavia, fa sì che la forma effettiva prevalente sia quella emiacetalica o emichetalica. 1 1.1.1. Monosaccaridi I carboidrati che non sono in grado, per idrolisi, di dar luogo a zuccheri più semplici, sono definiti monosaccaridi o monosi, per cui rappresentano le unità base dei carboidrati. Caratteristico per i nomi di questi composti è il suffisso –osio. Essi sono generalmente costituiti da 3 a 7 atomi di carbonio, ma i più importanti sono i pentosi (5 atomi di carbonio) e gli esosi (6 atomi di carbonio). I monosaccaridi si possono classificare in base alla funzione aldeidica o chetonica in aldosi o chetosi e in base al numero dei loro atomi di carbonio. I più piccoli monosaccaridi, quelli a tre atomi di carbonio, sono detti triosi. Quelli con quattro, cinque, sei o sette atomi di carbonio sono rispettivamente tetrosi, pentosi, esosi o eptosi. Le due diverse terminologie si possono combinare tra di loro; così, un monosaccaride con sei atomi di carbonio e una funzione aldeidica diventa un aldoesoso, mentre se gli atomi di carbonio sono cinque e la funzione è di tipo chetonico si parla di chetopentoso.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Erika Nichiri Contatta »

Composta da 39 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3074 click dal 13/09/2012.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.