Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Tecnologie e problematiche operative per l'isolamento termico degli organismi edilizi

Nel lavoro di tesi si è fatto un excursus di quali fossero le tecnologie utilizzate per l'isolamento termico degli organismi edilizi; in merito sia alle componenti verticali opache e trasparenti, sia alle componenti orizzontali. In entrambi i casi si sono analizzati parallelamente i materiali adottati in queste tecnologie, riprendendone storia, produzione e messa in opera.
Infine ci si è soffermati sul sistema di Isolamento "a Cappotto" con ausilio di pannelli in EPS.
Grazie all'appoggio di alcune aziende locali, nel lavoro di tesi sono anche inserite alcune applicazioni (relative a diversi contesti) di questa tecnologia.

Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 1 Introduzione 1 CAPITOLO 1 Introduzione Il dizionario Zanichelli definisce il termine ABITAZIONE come : “Luogo o costruzione dove l’uomo risiede e accentra la propria vita privata”, come tale quindi, l’abitazione assume un ruolo principale durante l’intera esistenza di un individuo. Fin dagli arbori gli esseri umani hanno cercato, dapprima con strutture più semplici, poi con strutture via via più complesse (nella casa) un posto in cui potersi sentire protetti, in cui cercare riparo e centrare la propria vita, in cui poter tirar su famiglia. Il concetto di abitazione quindi, con il passare non degli anni, ma dei secoli, si è evoluto insieme alle tecnologie, e alle esigenza dei vari utenti che le hanno abitate. Si è passati dalle forme primordiali di riparo, la grotta per esempio, fino ad arrivare alle soluzioni abitative odierne passando dalle semplici “capanne” o case con muri di argilla, a case in legno e fango e così via. Tutto però è stato accomunato nel tempo dal “Comfort” definito come “l’insieme delle comodità che rendono agevole una abitazione”; rappresenta quindi una sensazione quindi puramente soggettiva percepita dall'utente, nell'ambiente di lavoro o in determinate condizioni di servizio e serve ad indicare il "livello di benessere" percepito. La sensazione di benessere all’interno di uno spazio confinato dipende, in ogni caso da numerosi fattori fisici e non fisici. I fattori fisici, controllabili mediante sistemi “passivi” (edificio) e “attivi” (impianti), sono:  Qualità dell’aria (I.A.Q. - Indoor air quality)  Microclima

Laurea liv.I

Facoltà: Ingegneria

Autore: Vito Lomuscio Contatta »

Composta da 196 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1299 click dal 21/09/2012.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.