Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il lupo nella Russia Europea

Attualmente le conoscenze disponibili sul lupo sono molto diverse tra le esistenti popolazioni. Infatti, mentre da una parte si hanno numerosi dati sulle popolazioni di lupi nord americani, un po’ meno su quelli europei, quasi nulla si conosce delle popolazioni euro-asiatiche ed in particolare di quelle russe. Inoltre, i pochi dati di bibliografia esistenti sono quasi tutti in lingua russa e le ultime ricerche su popolazioni di lupi in questi territori sono state svolte negli anni ’80. Quindi, poche sono le informazioni successive ai grandi cambiamenti socio-politici degli anni ‘80 che hanno spinto le popolazioni umane a riversarsi dagli ambienti rurali nelle grandi città. Nonostante l’abbandono delle campagne di abbattimento, la persecuzione della specie è sempre molto intensa e pone le popolazioni sotto una continua pressione.
Lo scopo principale di questa ricerca è stato quindi quello di colmare la mancanza di informazioni riguardanti le popolazioni di lupi presenti nella Russia Europea. La ricerca e stata indirizzata verso campi di studio che potessero servire a migliorare ed aggiornare le conoscenze di queste popolazioni di lupi, affrontando argomenti descrittivi come:


1) Caratterizzazione del campione di lupi:
1.1) Cause di mortalità, composizione per sesso ed età e morfometria;
1.2) Analisi eco-tossicologica;
1.3) Analisi eco-parassitologica: infezione di Trichinella.
2) Analisi dell'ecologia alimentare.

La ricerca si è svolta nelle regioni di Tvier e Smoliensk per i seguenti motivi:

· alta densità di lupi sul territorio;
· disponibilità di strutture e mezzi per svolgere la ricerca (laboratorio, collezione museale, jeep, gatto delle nevi);
· presenza nella zona di ricercatori che da tempo studiano la biologia della specie;
· possibilità di collaborare con gli uffici di caccia della regione per il reperimento di lupi abbattuti da cacciatori;
· copertura nevosa di sei mesi l’anno che permette di seguire le tracce dei lupi.

Mostra/Nascondi contenuto.
8 1 Elementi di biologia generale del lupo 1.1 Sistematica Il lupo dal punto di vista sistematico viene considerato come una singola specie (Canis lupus L., 1758), appartenente all’ordine dei Carnivori, famiglia Canidi, genere Canis (Tabella 1). Il genere Canis, oltre al lupo, comprende sei specie selvatiche: • coyote (Canis latrans) - Say, 1832; • lupo rosso1 degli Stati Uniti Sudorientali (Canis rufus) - Bailey, 1905; • sciacallo dorato (Canis aureus) - L., 1785; • sciacallo della gualdrappa (Canis mesomelas) - Schreber, 1755; • sciacallo striato (Canis adultus) - Sundevall, 1847; • sciacallo del Siemen o lupo abissino (Canis simensis) - Ruppell, 1869. Tabella 1 – Classificazione tassonomica del lupo (Canis lupus). Regno ANIMALIA Phylum CORDATA Subphylum VERTEBRATA Classe MAMMALIA Infraclasse EUTHERIA Ordine CARNIVORA Famigli CANIDAE Genere Canis Specie Canis lupus 1 La classificazione a livello di specie del lupo rosso è stata messa in discussione più volte, contrapponendo analisi morfometriche (Novak 1983, 1995) a quelle genetiche (Wayne et al 1995).

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Adriano Casulli Contatta »

Composta da 139 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2558 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.