Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La filiera dell’olio d’oliva in Italia e nel Veneto: il caso studio del Frantoio Bonamini

L’oggetto di studio del presente lavoro si pone l’obiettivo di porre in prima analisi la definizione del concetto di filiera all’interno del complesso sistema agroalimentare italiano, con particolare focus al settore olivicolo che, assieme al settore vitivinicolo, rappresentano tra i principali comparti in grado di saper esprimere il valore delle produzioni del Made in Italy nel mondo.
La trattazione di tale analisi seguirà un modello concentrico, vale a dire dapprima un inquadramento del contesto nazionale, per poi, in seguito, concentrarsi in merito alla descrizione di una realtà regionale ed infine, allo scopo di fornire una base empirica circa le dinamiche territoriali, si è scelto di analizzare uno specifico caso aziendale.
Nella prima parte dell’elaborato, dopo aver esposto il concetto di filiera da un punto di vista strettamente teorico, verranno messi in evidenza taluni elementi di rilievo rispetto all’organizzazione della filiera dal punto di vista dell’offerta rispetto alle diverse fasi che la compongono, ossia produzione, trasformazione e distribuzione non dimenticando il valore e il significato dell’evoluzione della domanda di olio.
Nella seconda parte, a fronte di un’analisi di contesto da un punto di vista macroterritoriale, si cercherà di mettere in evidenza il carattere tradizionale nonché le caratteristiche principali dell’olivicoltura all’interno della regione Veneto, mostrando come, pur in presenza di quantitativi modesti, si cerchi di mettere in primo piano il valore dell’eccellenza della produzione.
Un particolare focus, in seguito, verrà posto rispetto al ruolo del soggetto istituzionale in oggetto, vale a dire il consorzio Olio Veneto DOP, come importante attore di riferimento rispetto alle politiche strategiche di prodotto, nell’ottica di un’adeguata promozione volta a far emergere il valore della certificazione nonché della tracciabilità.
Successivamente, nell’ultima parte dell’elaborato, allo scopo di mettere in luce quanto perseguito da un punto di vista regionale, si è deciso di analizzare le sfide di un soggetto locale, il Frantoio Bramini, situato nella zona est della provincia di Verona. Si cercherà, in seguito, di analizzare, inoltre, le politiche strategiche di impresa di tale soggetto, cercando di far emergere l’importanza del binomio prodotto-territorio come importante leva per superare le difficoltà di un mercato per competitivo.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 INTRODUZIONE L’oggetto di studio del presente lavoro si pone l’obiettivo di porre in prima analisi la definizione del concetto di filiera all’interno del complesso sistema agroalimentare italiano, con particolare focus al settore olivicolo che, assieme al settore vitivinicolo, rappresentano tra i principali comparti in grado di saper esprimere il valore delle produzioni del Made in Italy nel mondo. La trattazione di tale analisi seguirà un modello concentrico, vale a dire dapprima un inquadramento del contesto nazionale, per poi, in seguito, concentrarsi in merito alla descrizione di una realtà regionale ed infine, allo scopo di fornire una base empirica circa le dinamiche territoriali, si è scelto di analizzare uno specifico caso aziendale. Nella prima parte dell’elaborato, dopo aver esposto il concetto di filiera da un punto di vista strettamente teorico, verranno messi in evidenza taluni elementi di rilievo rispetto all’organizzazione della filiera dal punto di vista dell’offerta rispetto alle diverse fasi che la compongono, ossia produzione, trasformazione e distribuzione non dimenticando il valore e il significato dell’evoluzione della domanda di olio. Nella seconda parte, a fronte di un’analisi di contesto da un punto di vista macroterritoriale, si cercherà di mettere in evidenza il carattere tradizionale nonché le caratteristiche principali dell’olivicoltura all’interno della regione Veneto, mostrando come, pur in presenza di quantitativi modesti, si cerchi di mettere in primo piano il valore dell’eccellenza della produzione. Un particolare focus, in seguito, verrà posto rispetto al ruolo del soggetto istituzionale in oggetto, vale a dire il consorzio Olio Veneto DOP, come importante attore di riferimento rispetto alle politiche strategiche di prodotto, nell’ottica di un’adeguata promozione volta a far emergere il valore della certificazione nonché della tracciabilità. Successivamente, nell’ultima parte dell’elaborato, allo scopo di mettere in luce quanto perseguito da un punto di vista regionale, si è deciso di analizzare le sfide di un soggetto locale, il Frantoio Bramini, situato nella zona est della

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Mattia Ferrari Contatta »

Composta da 125 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1556 click dal 04/10/2012.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.