Skip to content

La finanza etica: il mercato italiano

Informazioni tesi

  Autore: Francesca Zubbo
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Bari
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze economiche
  Relatore: Mariantonietta Intonti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 118

“Keynes affermava che l’economia non è benessere comune ma opportunità per il raggiungimento del benessere comune, grazie al perseguimento di valori etici.”
L’integrazione di criteri sociali e ambientali nella gestione aziendale si spiega con la necessità di prestare attenzione, in ogni attività economica, alle conseguenze non economiche delle azioni economiche.
Il concetto di finanza etica è abbastanza recente. La prima analisi teorica sulla finanza etica si deve, infatti, all’economista indiano Amartya Sen e ai suoi studi negli anni ‘70, ma le prime esperienze concrete di finanza etica, intendendo per finanza etica l’attività finanziaria condizionata da criteri etici, cioè indirizzata alla promozione dello sviluppo non solo economico ma anche umano e sociale, risalgono a molti anni prima. I principi ispiratori della finanza etica sono gli stessi che guidavano nel XIX secolo l’attività delle Casse Rurali e Artigiane, diventate oggi Banche di Credito Cooperativo.
L’attività finanziaria può e deve essere guidata da criteri etici perché è un’attività umana, e quindi per essere efficiente ed efficace non può prescindere dalla sfera valoriale costitutiva della natura umana dei suoi operatori, senza che ciò abbia conseguenze disastrose sull’intero sistema economico, come dimostra la crisi finanziaria mondiale degli ultimi anni. Non solo, ma l’attività finanziaria deve ispirarsi a criteri etici perché ciò è redditizio in termini di performance finanziaria ed extrafinanziaria.
Questo studio, suddiviso in quattro parti, si propone di fornire un quadro complessivo del fenomeno della finanza etica, con particolare riguardo alle esperienze italiane.
La prima parte muove dai fondamenti teorici che hanno portato a parlare di responsabilità sociale d’impresa (RSI), tra cui quelli elaborati da Freeman e da alcuni economisti italiani, e giunge a descrivere le prime esperienze concrete di finanza etica, passando attraverso una rassegna dei principi e degli strumenti di creazione e diffusione di valore da parte delle imprese bancarie.
La seconda parte offre una panoramica del mercato della finanza etica, seguendo l’attività di tutti i soggetti che vi operano, tra cui: investitori eticamente orientati, banche etiche, banche tradizionali, Mag, fondi etici, agenzie di rating etico.
La terza parte poi cerca di spiegare la dinamica del processo di distruzione di valore nelle imprese bancarie, alla luce dei numerosi dissesti finanziari recenti, analizzando in particolare alcuni noti casi italiani e stranieri.
Infine con l’ultima parte si intende offrire una verifica empirica del fenomeno esaminato, attraverso la rilevazione del comportamento etico adottato da un campione di banche italiane. La ricerca ha preso in considerazione i bilanci sociali del 2008, pubblicati dalle banche online. La scelta dell’anno di riferimento è significativa perché permette di osservare quali strategie aziendali hanno orientato l’attività delle banche italiane durante la crisi finanziaria.
In seguito le performance delle banche sono state valutate in base a una serie di criteri oggettivi, applicando i quali è risultato che le banche italiane assumono diffusamente politiche di RSI e molte, per contrastare la crisi, hanno attivato diverse iniziative volte a garantire la sicurezza dei dipendenti e la tutela dei risparmiatori.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE “Keynes affermava che l’economia non è benessere comune ma opportunità per il raggiungimento del benessere comune, grazie al perseguimento di valori etici.” 2 L’integrazione di criteri sociali e ambientali nella gestione aziendale si spiega con la necessità di prestare attenzione, in ogni attività economica, alle conseguenze non economiche delle azioni economiche. Il concetto di finanza etica è abbastanza recente. La prima analisi teorica sulla finanza etica si deve, infatti, all’economista indiano Amartya Sen e ai suoi studi negli anni ‘70, ma le prime esperienze concrete di finanza etica, intendendo per finanza etica l’attività finanziaria condizionata da criteri etici, cioè indirizzata alla promozione dello sviluppo non solo economico ma anche umano e sociale, risalgono a molti anni prima. I principi ispiratori della finanza etica sono gli stessi che guidavano nel XIX secolo l’attività delle Casse Rurali e Artigiane, diventate oggi Banche di Credito Cooperativo. L’attività finanziaria può e deve essere guidata da criteri etici perché è un’attività umana, e quindi per essere efficiente ed efficace non può prescindere dalla sfera valoriale costitutiva della natura umana dei suoi operatori, senza che ciò abbia conseguenze disastrose sull’intero sistema economico, come dimostra la crisi finanziaria mondiale degli ultimi anni. Non solo, ma l’attività finanziaria deve ispirarsi a criteri etici perché ciò è redditizio in termini di performance finanziaria ed extrafinanziaria. Questo studio, suddiviso in quattro parti, si propone di fornire un quadro complessivo del fenomeno della finanza etica, con particolare riguardo alle esperienze italiane. La prima parte muove dai fondamenti teorici che hanno portato a parlare di responsabilità sociale d’impresa (RSI), tra cui quelli elaborati da Freeman e

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

banca etica
bilancio sociale
finanza etica
fondi etici
investimento socialmente responsabile

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi