Skip to content

Quando l'industrializzazione massiva inibisce lo sviluppo di un territorio. Storia della "questione ambientale" di Taranto

Informazioni tesi

  Autore: Gabriele Battista
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Scienze del turismo
  Corso: Scienze del turismo
  Relatore: Alberto Vannucci
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 64

Dalla crisi dell’acciaio degli anni ’80 ad oggi Taranto è divenuta simbolo globale del fallimento di un modello di sviluppo obsoleto, che vedeva lo sviluppo industriale come mezzo immortale per raggiungere la ricchezza, rendendo secondarie, superficiali, le dinamiche della società più nascoste, il fermento culturale alla base della valorizzazione del territorio, nonché la qualità dell’ambiente ed il turismo da essa derivante.
Nella storia moderna di Taranto il destino è sempre stato «scritto» dagli attori politici nazionali, che già a partire dagli albori del ‘900 hanno determinato il graduale cambiamento socio – economico della città dei due mari, con la creazione di un’area industriale più grande della città stessa. Dalle ciminiere come simbolo di progresso e ricchezza si è passati negli ultimi decenni ad una monocultura opprimente, che vede l’industria e l’arruolamento nella Marina Militare come uniche possibilità lavorative concrete realizzabili nel breve periodo.
Le ciminiere del siderurgico sono diventate simbolo di morte e contaminazione alimentare, la magistratura ha stabilito che se gli impianti non verranno messi a norma, l’Ilva dovrà chiudere, ma ad oggi i giovani tarantini che non proseguono la carriera universitaria, che sia rimanendo in città o diventando «fuorisede», hanno ben pochi scenari di realizzazione ipotizzabili.
Qual è oggi il simbolo di Taranto? Come si può essere campanilisti quando la cruda realtà è la falda acquifera contaminata, i capi di bestiame uccisi per l’inquinamento nei pascoli, la mitilicoltura uccisa da diossine e Pcb?
Taranto annaspa in un inesistente scontro tra diritto al lavoro e diritto alla salute, frutto della degenerazione della «questione ambientale», con decenni di ammiccamenti e sotterfugi messi in atto dagli attori politici per proteggere Emilio Riva, che acquisì l’Ilva dallo stato nel 1995.
Taranto, alla luce dell’azione della magistratura, che lo scorso 26 luglio ha posto un punto esclamativo alla questione ambientale del capoluogo Jonico disponendo il sequestro di sei impianti dello stabilimento siderurgico senza facoltà d’uso a fini produttivi, si ritrova oggi ad essere un laboratorio di soluzioni ipotizzabili per un cambiamento di modello di sviluppo.
Se la politica sarà lungimirante Taranto potrà tornare ad essere terra di miticoltura, potrà divenire un incubatore di progetti di riconversione industriale. La classe dirigente potrà sfruttare un enorme potenziale turistico e culturale per ridisegnare il futuro della popolazione.
Ma l’unica certezza è che Taranto non può più essere una «steel city».

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 CAPITOLO 1 Cenni di storia politico – industriale di Taranto. Dalla costruzione dell’Arsenale Militare ad oggi La città di Taranto, situata nell’omonimo golfo sul mar Ionio, è il secondo comune della regione Puglia per popolazione (195.882 abitanti 2 ). La «Città dei due mari» ha una storia millenaria, che parte secondo la storiografia ufficiale dal 706 a.C e si dipana attraverso i domini di Spartani, Romani, Bizantini e Aragonesi. Numerose sono le testimonianze architettoniche ed etnografiche situate in tutto il territorio provinciale, che da sempre hanno fatto di Taranto una città permeata di un’affascinante storia. Ma ad un certo punto del suo percorso storico è come se Taranto si sdoppiasse. Una ‘città sulla città’, nata per giustapposizione, si estende sempre più fino a soppiantare l’antico nucleo identitario, eliminando ogni traccia del modus vivendi del territorio. Inizia un nuovo corso storico che cambia l’impronta sociale di Taranto, la cui economia si radica soprattutto sulle attività del settore primario. Il punto di rottura indirizza l’identificazione della città con la monocultura dell’industria pesante. La favola diffusa ormai da decenni, e assimilata dagli stessi tarantini, che parla di una ‘città storicamente a vocazione industriale’ nasce in seguito a interventi esogeni in un territorio la cui economia s’identificava soprattutto con il rapporto con il mare e la miticoltura. L’economia tarantina è tradizionalmente legata al mare, molto più di quanto possa dirsi di altre cittadine della costa pugliese che, pur marittime, solo in tempi recenti hanno sviluppato un’economia più strettamente legata alle attività alieutiche. Basti pensare al ruolo della molluschicoltura praticata in Mar Piccolo, tra fine ‘800 e inizio ‘900 capace di produrre annualmente 20 – 30 milioni di ostriche e 10 – 20.000 quintali di mitili 3 . 2 Fonte: Censimento 2012 Istat 3 G. Fenicia, Mercato ittico e amministrazione civica a Taranto tra ‘800 e ‘900, Cacucci Editore, Bari, 2011, p. 17

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

politica
inquinamento
turismo
mare
ambientale
ipa
diossina
questione
pcb
taranto
ilva
vendola
riva
cozze

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi