Skip to content

Qualità: nuovi orizzonti tra norme tecniche, Corte di Giustizia CE e strumenti di tutela.

Informazioni tesi

  Autore: Elena Pivetta
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Udine
  Facoltà: Agraria
  Corso: Scienze e tecnologie agrarie, agroalimentari e forestali
  Relatore: Gioietta Maccioni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 39

Dallo studio fatto finora si evince che le norme tecniche definiscono i criteri sui quali si basano i determinati marchi per la produzione di prodotti di qualità. Oltre che per le DOP e le IGP esistono norme tecniche che regolano la produzione anche per l’agricoltura biologica (Reg. CE 2092/91), per la difesa integrata, per l’agricoltura sostenibile (Reg. CE 2082/92), ecc. Tutte le forme di coltivazione e di produzione che si basano sul rispetto di determinate norme, regolate giuridicamente, per la salvaguardia dell’ambiente e per la produzione di prodotti di qualità hanno un valore aggiunto.
In generale, la liberalizzazione degli scambi commerciali ha comportato una difficoltà nel creare i principi e le regole comuni per definire ed assicurare la qualità delle merci. Infatti, fin dall’inizio, ci si trovava di fronte ad una eterogeneità di legislazioni nazionali, a un diverso modo di concepire il concetto di qualità all’interno di ogni Paese membro e all’esistenza di norme tecniche diverse per ogni Stato appartenente alla Comunità Europea.
Attraverso passi successivi si è arrivati all’approvazione dei requisisti essenziali che i prodotti devono soddisfare prima di essere immessi sul mercato. Questi requisiti devono garantire la salvaguardia dell’ambiente e la protezione della salute del consumatore dai rischi come sono spiegati nelle direttive che regolano la produzione di determinati prodotti (norme tecniche obbligatorie). La Politica Agraria Comune quindi si basa sulla qualità come strategia di differenziazione dell’offerta, sulla difesa del reddito dell’agricoltore, sull’incremento della capacità competitiva del sistema agroalimentare, sulla valorizzazione delle aree marginali, sullo sviluppo rurale e quindi sulla qualità garantita nel rispetto dei disciplinari di produzione.
Purtroppo questa Politica presenta una mancanza di coordinamento tra politiche classiche di sostegno di mercato e interventi di valorizzazione dei prodotti ottenuti con metodi colturali differenti (come ad esempio l’agricoltura biologica) senza porre la giusta attenzione sull’informazione al consumatore. Analizzando poi la politica nazionale sotto il profilo della qualità, ci troviamo di fronte alla mancanza di coordinamento tra le politiche di vari livelli (comunitaria, nazionale, regionale) e all’assenza di una legge quadro di recepimento delle DOP e IGP. [...]

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Negli ultimi anni i consumatori europei si sono indirizzati sempre più ad una scelta agroalimentare orientata verso alimenti più sani, più nutrienti e più gustosi ottenuti con metodi più rispettosi dell’ambiente. Queste scelte hanno determinato una continua evoluzione sotto l’aspetto giuridico nazionale, comunitario e internazionale di regolamenti e riforme per far sì che i produttori ed i consumatori siano tutelati. È doveroso però fare un passo indietro e definire in primo luogo il concetto di qualità. I primi cenni riferiti alla qualità (in senso generale e quindi non solo alimentare) e alla tutela del consumatore si sono avuti con l’art. 32 della Costituzione che ha proclamato il diritto dei cittadini alla salute e quindi al benessere in ogni sua forma. Secondo Carrozza si può definire il concetto di qualità per via analitica, cioè isolando i fattori che intervengono concretamente nell’individuazione della qualità di un prodotto. Essi si dividono in diverse categorie: ci sono i fattori che si riferiscono alla sicurezza dell’utilizzo del prodotto (quindi presenza di elementi nocivi o tossici); quelli che prendono in considerazione i fattori organolettici e determinano quindi l’immediato gradimento da parte del consumatore; quelli che specificano gli elementi nutrizionali (valore proteico, vitaminico, ecc.); e infine quelli che considerano la reperibilità, la facilità d’uso e la conservabilità. Tutti questi fattori ci fanno intuire come il cambiamento del mercato sia dovuto alle nuove esigenze del consumatore. I cibi surgelati, precotti, disidratati hanno contribuito, grazie alla loro comodità, alla formazione di nuove fette di mercato che prevedono il consumo di prodotti di media-bassa qualità caratterizzati da un costo ridotto. Ed è proprio il rapporto qualità/prezzo che sta alla base del mercato e della definizione di qualità di Carrozza: “La qualità di un prodotto superiore per qualità vince la concorrenza del prodotto di qualità inferiore soltanto a parità di prezzo o comunque ad un prezzo non troppo elevato (tenuto conto anche del costo dell’addizione dell’elemento qualità), poiché le scelte del consumatore sono generalmente fondate […] sul rapporto qualità/prezzo di acquisto” 1 . Da ciò si deve prendere in considerazione la cultura gastronomica che caratterizza un ambito ampio come può essere la Comunità 1 Carrozza, Riflessioni preliminari sulla qualità dei prodotti agricoli, in Dir. Fondam. Qualità dei prodotti agricoli e tutela del consumatore.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi