Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Differenze individuali e Teoria della Mente: il ruolo del Temperamento

Il temperamento è un concetto per il quale troviamo molteplici definizioni in quanto il suo studio ha lontane origini. Possiamo definirlo come l’insieme delle differenze individuali precoci, a base biologica, osservabili nel comportamento dell’individuo, stabili nel tempo e nelle situazioni, ma nonostante ciò suscettibili all’influenza dell’esperienza e dell’ambiente esterno.
Quando si effettua lo studio del temperamento si fa riferimento a tre importanti livelli di analisi: i livelli di descrizione, i domini e gli approcci.
I livelli di descrizione fanno riferimento agli aspetti dell’individuo che vengono indagati. Questi sono i comportamenti osservabili, le differenze neurologiche e i fattori costituzionali.
I domini fanno riferimento alle aree all’interno delle quali si manifestano le varie caratteristiche individuali. Esse sono le emozioni, l’attenzione e l’attività motoria.
Invece, gli approcci si riferiscono al punto di vista dell’osservatore, infatti, lo studio del temperamento può riferirsi all’individuo o all’interazione tra esso e l’ambiente.
Rispetto alle teorie sul temperamento, ricordiamo che le prime teorie a partire dalla fine dell’800 enfatizzarono soprattutto l’importanza della componente biologica nel comportamento umano. Successivamente, a partire dal 900, fiorirono nuovi approcci teorici che indagarono il temperamento infantile, collegando tale concetto a quello di adattamento, e quindi dando importanza non più soltanto ai fattori biologici, ma anche alla componente ambientale.
Inoltre, grazie a diversi contributi sono stati creati diversi strumenti per osservare e valutare il temperamento, in particolare abbiamo: i questionari, l’osservazione in contesti naturali e in laboratorio e le scale di sviluppo.
Per Teoria della mente, invece, intendiamo la capacità umana di attribuire stati mentali al proprio sé e agli altri. L’età di 3-4 anni è definita come termine cronologico per ritenere che il bambino abbia acquisito la Teoria della Mente. Ma è possibile rintracciare ancora prima di questa età alcune competenze infantili adeguate a configurarsi come precursori delle più complesse capacità mentalistiche.
I precursori delle Teoria della Mente compaiono solitamente in contemporanea tra i 18 e i 20 mesi di vita del bambino e sono i seguenti:
• la joint attention: ossia, la capacità di comprendere e di coordinare l’attenzione sociale;
• l’imitazione: ossia, un meccanismo sociale utile per apprendere informazioni rispetto alle persone;
• il gioco simbolico: ossia, la sospensione dell’uso di un oggetto come entità reale per attribuirli un altro significato sulla base della finzione;
• il gesto di indicazione: una forma di comunicazione per-verbale, che il bambino utilizza per influenzare il comportamento dell’altro;
• l’autoriconoscimento: ossia, la presa di coscienza da parte del bambino del proprio sé.
Per valutare la relazione tra il Temperamento e lo sviluppo della Teoria della Mente abbiamo effettuato una ricerca longitudinale.
L’obiettivo principale della ricerca è stato appunto quello di valutare tale rapporto ed inoltre ci siamo domandati se la percezione materna e paterna rispetto al temperamento del bambino sia uguale o differente, quale percorso evolutivo hanno seguito i precursori della Teoria della Mente, in maniera specifica il gesto di indicazione e il riconoscimento allo specchio, che abbiamo indagato e se tra le misure rilevate esiste una relazione.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Negli ultimi anni le differenze individuali, e in particolar modo le caratteristiche temperamentali, hanno assunto fondamentale importanza all’interno di varie discipline, come la Psicologia dello sviluppo e la Psicologia della personalità. Le persone coinvolte nella cura dei bambini piccoli, come i pediatri, gli psicologi e i neuropsichiatri infantili, studiano il temperamento infantile in quanto rimangono colpiti e incuriositi da quelle che sono le differenze individuali presenti tra i neonati. Queste differenze sono registrabili fin dalla nascita e sono riscontrabili nei vari comportamenti che esprimono le emozioni, l’umore, il livello di attività, il grado di socievolezza e la capacità di adattamento alle nuove situazioni. La definizione odierna di temperamento designa ancora le varie caratteristiche individuali, biologiche e innate, ma evidenzia anche la forte influenza che l’ambiente può esercitare su esse. Infatti, le varie caratteristiche temperamentali influenzano il modo in cui i caregiver reagiscono al bambino e si prendono cura di lui, e dal sistema di cure, offerto al bambino, a loro volta tali caratteristiche vengono influenzate. Esiste un’influenza reciproca e bidirezionale tra temperamento e ambiente. Il temperamento infantile predispone il bambino ad interagire in un particolar modo nei confronti dell’ambiente e delle stimolazioni che da esso derivano, di conseguenza, influenza anche l’acquisizione di varie abilità e capacità che il bambino sperimenta durante il suo sviluppo, come ad esempio, le capacità mentali e rappresentazionali. L’obiettivo di questo Lavoro, principalmente è quello di comprendere se esiste una relazione tra il temperamento infantile e la graduale acquisizione della Teoria della Mente. Per quanto riguarda la Teoria della Mente, con questo concetto possiamo indicare la capacità del bambino di comprendere i propri stati mentali e di attribuire vari stati mentali anche alle altre persone, queste capacità sono fondamentali per l’acquisizione della competenza sociale del bambino (Camaioni, 1993). Il presente Lavoro è strutturato in tre capitoli. Nel primo capitolo, l’attenzione verterà soprattutto sul concetto di temperamento.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Valentina Orani Contatta »

Composta da 114 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3004 click dal 19/10/2012.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.