Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sostenibilità aziendale. Strumenti per il controllo.

Sostenibilità aziendale e valutazione delle performance sono due tematiche di importanza assoluta nell'odierno contesto industriale. In questo lavoro vengono analizzati i collegamenti e le influenze tra le attività economiche e le sfere sociale ed ambientale. Lo studio si concentra inizialmente sulla effettiva necessità di sviluppare indicatori "di sostenibilità" che facilitino la comprensione e traduzione in termini quantitativi degli impatti delle attività aziendali. In seguito l'analisi si sposta sui principali metodi di "sustainability accounting", presentandone degli esempi concreti dal mondo delle imprese. Infine l'attenzione viene rivolta all'importanza del reporting di sostenibilità e di una comunicazione trasparente.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione La creazione di valore è il fine ultimo dell’impresa e per raggiungere tale obiettivo, l’azienda non può astrarsi dal contesto in cui opera. Essa, infatti, è connessa, attraverso un complesso sistema di relazioni, con una pluralità di portatori di interessi (dipendenti e collaboratori, soci/azionisti, clienti, fornitori, Stato, enti locali e pubblica amministrazione, collettività, finanziatori, movimenti d’opinione, media, finanziatori e concorrenti), che ne influenzano i processi di governo e che sono a loro volta influenzati dal comportamento dell’impresa (Privato, 2002). La necessità di porre la dovuta attenzioni su queste influenze e relazioni ha condotto alla definizione di un modello di sviluppo in grado di coniugare in maniera sinergica obiettivi di natura economica, sociale e ambientale: lo sviluppo sostenibile (Tencati, 2002). Il concetto di sviluppo sostenibile s’impone a livello globale grazie al lavoro della Commissione di Brundtland 1 (World Commission on Environment and Development, 1987) e alla pubblicazione del report Our Common Future, prodotto in tale sede. Il WCED connette la nozione di sostenibilità con quella di integrità ambientale ed equità sociale. Inoltre, per la prima volta viene definito un collegamento con la prosperità economica ed il mondo delle imprese (Linnenluecke, 2010). Da qui la coniazione del termine “sviluppo sostenibile” che identifica uno sviluppo “che soddisfi le necessità sociali, ecologiche ed economiche della popolazione attuale del pianeta, senza compromettere quelle delle future generazioni”. La sostenibilità aziendale può essere quindi definita come “il contributo del mondo del business allo sviluppo sostenibile” (OECD, 2001) o più precisamente “l’impegno continuo da parte delle aziende a comportarsi eticamente e contribuire allo sviluppo economico migliorando, al contempo, la qualità di vita della forza lavoro” (WBCSD) Scopo di questo lavoro è presentare le più avanzate metodologie di controllo e comunicazione, atte a supportare quelle organizzazioni che intendono assumere la sostenibilità come proprio obiettivo di riferimento. 1 La Commissione nasce dalla richiesta presentata nel 1983 dal Segretario Generale delle Nazioni Unite, Javier Perez de Cuellar, al Primo Ministro norvegese, Gro Harlem Brundtland, di creare un’organizzazione indipendente che si concentri sui problemi associati all’ambiente ed allo sviluppo e sulle soluzioni a tali problemi.

Laurea liv.I

Facoltà: Ingegneria

Autore: Alessandro Runci Contatta »

Composta da 108 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2145 click dal 22/10/2012.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.