Skip to content

L'impatto della green economy in Italia: un'economia alternativa è davvero possibile?

Informazioni tesi

  Autore: Mattia Borsini
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Perugia
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze dell'economia e della gestione aziendale
  Relatore: Tommaso Sediari
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 50

L'economia italiana sta subendo sempre più gli influssi benefici della green economy. E' uno sviluppo virtuoso che prema le aziende che innovano, creano ricchezza e occupazione. L'ambiente diventa un capitale che va difeso e protetto, e che può creare ricchezza. La green economy è un fenomeno a tutto campo che sta interessando la vita di tutti i giorni, a partire dal lavoro fino alle nostre abitazioni. Il settore del verde vede pure l'influenza della mafia, che non si è lasciata sfuggire le ghiotte opportunità di guadagno. Il lavoro si pone lo scopo di analizzare i cambiamenti in atto assieme alle prospettive future.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione L’Italia sta vivendo una fase di grandi cambiamenti e termini come “green economy”, “energie alternative” o “green jobs” ci fanno vedere una luce nuova e particolare in fondo al buio della crisi che ci sta attanagliando. Si sta rimettendo in discussione l’assioma del capitalismo che vede nello sfruttamento dell’ambiente l’unica occasione per creare profitto. L’ambiente sta correndo seri pericoli: l’ingente quantità di gas serra nell’atmosfera (specialmente CO2) sta accelerando il processo dei cambiamenti climatici, che potrebbero avere conseguenze disastrose per il globo. Diventa necessario, quindi, ridurre le emissioni, diminuendo la produzione di beni e convertendo i settori produttivi esistenti. E’ assolutamente prioritario considerare l’ambiente come un capitale e, come ci insegna l’economia di mercato, i capitali non vanno sprecati ma aumentati. Ma quando è nata l’esigenza di mettere in atto uno sviluppo considerato sostenibile? Siamo nel 1973 e scoppia il cosiddetto shock petrolifero in seguito alla guerra tra Israele e Paesi Arabi: il prezzo del barile sale alle stelle e i governi dell’Occidente varano pesanti misure d’austerità. La crisi petrolifera rappresentò per i Paesi occidentali un’occasione per riflettere sull’uso delle fonti rinnovabili che vennero per la prima volta prese in considerazione, in alternativa ai combustibili fossili come il petrolio. La definizione oggi ampiamente condivisa di sviluppo sostenibile è quella contenuta nel rapporto Brundtland, elaborato nel 1987 dalla Commissione Mondiale sull'Ambiente e lo Sviluppo e che prende il nome dall'allora premier norvegese che presiedeva tale Commissione. Il testo elaborato recita ”Lo sviluppo sostenibile, lungi dall’essere una definitiva condizione di armonia, è piuttosto un processo di cambiamento tale per cui lo sfruttamento delle risorse, la direzione degli investimenti, l’orientamento dello sviluppo tecnologico e i cambiamenti istituzionali siano resi coerenti con i bisogni futuri oltre che con gli attuali”. Con questa affermazione Bruntland lancia un allarme relativo al consumo senza freni delle risorse, che avrebbe potuto lasciare “affamate” le generazioni future. Tornava così a confermarsi l’esigenza di ridurre i consumi insieme alla necessità di ricercare fonti energetiche che avrebbero potuto ridurre la schiavitù dal petrolio. Il concetto di “sostenibile” si è poi evoluto, mentre le energie rinnovabili hanno cominciato a fare timidamente capolino nel panorama energetico globale. Man mano si è giunti al concetto rivoluzionario di “green economy”, ovvero un’economia il cui impatto ambientale sia minimo. In questo nuovo contesto diventano allora primari l’innovazione tecnologica e le conoscenze scientifiche.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

riciclo
energie alternative
sostenibile
conto energia
piano 20-20-20
green jobs
aziende verdi
eco-mafia
incentivi alle rinnovabili
bolletta energetica
grid parity

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi