Skip to content

Il momento consumativo del favoreggiamento personale

Informazioni tesi

  Autore: Cristina Cosentini
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Catanzaro Magna Grecia
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Scienze giuridiche
  Relatore: Luigi Fornari
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 47

I due reati di favoreggiamento, nella duplice forma (personale e reale) attualmente prevista, sono figure di origine relativamente recente. Infatti il codice penale napoleonico prevedeva solo “l’occultazione di rei” e a tale modello si mantiene fedele il codice del Regno di Sardegna del 1853. Il termine “favoreggiamento” comparve per la prima volta nel codice Toscano del 1859 , per indicare l’aiuto prestato al delinquente, “dopo il fatto senza concerto anteriore al medesimo” al fine di “eludere le investigazioni della giustizia” (attuale favoreggiamento personale) e di “assicurare il criminoso profitto” (attuale favoreggiamento reale). Il nomen juris di favoreggiamento nel codice penale Zanardelli mantiene indifferenziate le due figure nel quadro della stessa disposizione ma arricchisce la condotta del favoreggiamento personale, affiancando all’aiuto ad eludere le investigazioni dell’autorità, l’ipotesi di ausilio a “sottrarsi alle ricerche della medesima o della esecuzione della condotta”. Il codice penale del 1930 ha suddiviso nettamente le due figure di favoreggiamento: all’art 378 il favoreggiamento personale, all’art 379 il favoreggiamento reale. Questa divisione è alla base dell’attuale codice penale, infatti il delitto di favoreggiamento personale è collocato nel Titolo terzo,Capo I,dedicato ai delitti contro l’amministrazione della giustizia. L’articolo 378 stabilisce che risponde di favoreggiamento personale “chiunque, dopo che fu commesso un delitto per il quale la legge stabilisce l’ergastolo o la reclusione e fuori dai casi di concorso nel medesimo,aiuta taluno ad eludere le investigazioni dell’Autorità,o a sottrarsi alle ricerche di questa, è punito con la reclusione fino a quattro anni.”
“Quando il delitto commesso è quello previsto dall’art 416 bis, si applica, in ogni caso, la pena della reclusione non inferiore a due anni”.
“ Se si tratta di delitti per i quali la legge stabilisce una pena diversa, ovvero di contravvenzione o la pena della multa fino a 516 €”.
“Le disposizioni di questo articolo si applicano anche quando la persona aiutata non è imputabile o risulta che non ha commesso il delitto.”
Eludere le “investigazioni” vuol dire frustare le attività dirette a scoprire le fonti di prova e a desumere da queste gli elementi di prova per accertare se e da chi sia stato commesso un reato. Sottrarsi alle “ricerche” significa vanificare le attività finalizzate alla coercizione, vale a dire dirette al fermo,all’arresto,alla cattura o all’accompagnamento. Il favoreggiamento personale è un reato di pericolo e, nella maggioranza delle ipotesi,istantaneo. E’ anche un reato a forma libera in quanto il legislatore non specifica in che modo debba essere prestato “l’aiuto” diretto a depistare le indagini e quindi può essere commesso con qualsiasi condotta avente come fine di sviare l’autorità giudiziaria o la polizia giudiziaria. La condotta tipica è rappresentata da ogni comportamento,cosciente e volontario posto in essere dal reo destinato all’intralcio dell’attività investigativa e finalizzata all’aiuto dell’autore materiale di un altro reato. L’espressione “fuori dei casi di concorso nel reato” allude all’esigenza che il favoreggiatore non sia in alcun modo coinvolto nella realizzazione del reato antecedente. Non può dunque essere considerato favoreggiatore,ma concorrente nel delitto,chi arrechi qualsiasi contributo, materiale o solo morale, ad un fatto collettivo. Pertanto non vi è favoreggiamento ma concorso di reato in quattro ipotesi:
1) nel caso in cui l’azione del favoreggiamento sia intervenuta prima che il reato presupposto sia stato commesso.
2) quando l’attività del favoreggiatore sia concomitante.
3) quando l’attività del favoreggiatore sia stata concertata o promessa prima della commissione del reato presupposto.
4) quando il favoreggiatore abbia,con la sua azione,continuato il reato presupposto, portandolo a conseguenze ulteriori.
Così ad esempio è “concorrente” il soggetto che conformemente agli accordi presi, agevoli la fuga dopo la commissione del fatto, perché la promessa di ausilio fatta prima dell’esecuzione del reato integra un’ipotesi di complicità antecedente, che rafforza la determinazione a delinquere del destinatario dell’aiuto.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Capitolo I Favoreggiamento personale 1.1 : Introduzione I due reati di favoreggiamento, nella duplice forma (personale e reale) attualmente prevista, sono figure di origine relativamente recente. Infatti il codice penale napoleonico prevedeva solo “l’occultazione di rei” 1 e a tale modello si mantiene fedele il codice del Regno di Sardegna del 1853. Il termine “favoreggiamento” comparve per la prima volta nel codice Toscano del 1859 2 , per indicare l’aiuto prestato al delinquente, “dopo il fatto senza concerto anteriore al medesimo” al fine di “eludere le investigazioni della giustizia” (attuale favoreggiamento personale) e di “assicurare il criminoso profitto” (attuale favoreggiamento reale). Il nomen juris di favoreggiamento nel codice penale Zanardelli mantiene indifferenziate le due figure nel quadro della stessa disposizione ma arricchisce la condotta del favoreggiamento personale, affiancando all’aiuto ad eludere le 1 Stabiliva l’art. 2 del Codice dei Delitti e delle Pene del Regno d’Italia del 1810 : “Quelli che avranno occultato o fatto occultare delle persone che essi sapevano aver commesso dei crimini importanti pena affittiva, saranno puniti con detenzione di 3 mesi e di 2 anni al più” (erano esclusi dal novero dei soggetti agenti gli ascendenti o discendenti, il coniuge, i fratelli e le sorelle degli affini nel medesimo grado) 2 Il Codice Toscano all’art . 61 prosegue la linea già indicata dal Codice Napoleonico, ma con maggiore ampiezza, è contenuto però l’esimente a favore dei prossimi congiunti.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

favoreggiamento personale
codice penale
delitti contro l'amministrazione della giustizia
articolo 378

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi