Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Caratteristiche linguistiche del francese parlato dai giovani

La presente tesi è il frutto di un’analisi sull’argot, nata dalla mia crescente curiosità nei confronti di una lingua nettamente diversa da quella studiata sinora.
La ricerca effettuata ai fini di approfondire quest’argomento, mi ha permesso di venire a conoscenza delle tantissime varietà linguistiche della lingua francese: oltre al francese standard o accademico, troviamo anche il francese familiare e popolare, le varietà della lingua scritta e quelle della lingua orale.
Un caso particolare è rappresentato dalla periferia, nella quale entrano in gioco in forma massiccia anche le lingue d’immigrazione, da una parte, e le pratiche linguistiche giovanili, come l’argot e il verlan, dall’altra. Questa è la ragione per la quale è stato affrontato anche il tema della banlieue, con un excursus storico sulla sua nascita ed evoluzione. Successivamente, è stato delineato un quadro generale relativo alle condizioni di vita della popolazione che vi risiede, per comprendere fino in fondo la ragione per la quale viene creato un linguaggio così particolare, del tutto (o in parte, come vedremo in seguito) incomprensibile per il resto della società.
Oltre al luogo dove meglio si possono osservare e studiare le pratiche linguistiche differenti dal francese standard, la banlieue, luogo di residenza di molti immigrati nonché di molte gangs giovanili, rappresenta la non integrazione.
Nel secondo capitolo, è stata effettuata una comparazione tra l’argot e altri tipi di linguaggio, come il francese popolare e quello familiare, ed è stata analizzata la sua struttura interna e i procedimenti messi in atto per costruirlo.
Nel terzo capitolo, è stata analizzata la letteratura beur che è un tipo di letteratura che nasce proprio nelle banlieues e che raggruppa circa quaranta scrittori che hanno in comune il fatto di essere nati o cresciuti in Francia da genitori musulmani di origine magrebina. Questo tema introduce la traduzione delle prime tre parti del romanzo Du rêve pour les oufs di Faïza Guène, inserita nel presente lavoro per fornire un esempio concreto della letteratura precedentemente descritta e anche sul linguaggio adoperato dai giovani; la traduzione è preceduta da una presentazione dell’autrice del romanzo.
In conclusione, ho esplicato le problematiche riscontrate nella traduzione e le strategie traduttive adottate.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 PREMESSA La presente tesi è il frutto di un’analisi sull’argot, nata dalla mia crescente curiosità nei confronti di una lingua nettamente diversa da quella studiata sinora. La ricerca effettuata ai fini di approfondire quest’argomento, mi ha permesso di venire a conoscenza delle tantissime varietà linguistiche della lingua francese: oltre al francese standard o accademico, troviamo anche il francese familiare e popolare, le varietà della lingua scritta e quelle della lingua orale. Un caso particolare è rappresentato dalla periferia, nella quale entrano in gioco in forma massiccia anche le lingue d’immigrazione, da una parte, e le pratiche linguistiche giovanili, come l’argot e il verlan, dall’altra. Questa è la ragione per la quale è stato affrontato anche il tema della banlieue, con un excursus storico sulla sua nascita ed evoluzione. Successivamente, è stato delineato un quadro generale relativo alle condizioni di vita della popolazione che vi risiede, per comprendere fino in fondo la ragione per la quale viene creato un linguaggio così particolare, del tutto (o in parte, come vedremo in seguito) incomprensibile per il resto della società. Oltre al luogo dove meglio si possono osservare e studiare le pratiche linguistiche differenti dal francese standard, la banlieue, luogo di residenza di molti immigrati nonchØ di molte gangs giovanili, rappresenta la non integrazione. Nel secondo capitolo, è stata effettuata una comparazione tra l’argot e altri tipi di linguaggio, come il francese popolare e quello familiare, ed è stata analizzata la sua struttura interna e i procedimenti messi in atto per costruirlo. Nel terzo capitolo, è stata analizzata la letteratura beur che è un tipo di letteratura che nasce proprio nelle banlieues e che raggruppa circa quaranta scrittori che hanno in comune il fatto di essere nati o cresciuti in Francia da genitori musulmani di origine magrebina. Questo tema introduce la

Laurea liv.I

Facoltà: Lingue straniere per la comunicazione internazionale

Autore: Stefania Carlà Contatta »

Composta da 79 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8393 click dal 05/11/2012.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.