Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Giuseppe Tomasi di Lampedusa: uno sguardo al di là delle Alpi

Il mio lavoro di tesi intende mettere in relazione il mondo della letteratura italiana a quello della letteratura francese. Certamente la pretesa non è quella di prendere in esame vasti periodi temporali bensì di circoscrivere la mia analisi ai secoli XVII- XIX, ovvero il periodo preso in considerazione da Giuseppe Tomasi di Lampedusa, l’autore di partenza del mio elaborato.
Il punto di vista di cui mi sono servita è quello del critico Francesco Orlando, siciliano di Palermo anch’egli. Leggendo il suo testo, Ricordo di Lampedusa, ho ripercorso le tappe principali della vita privata di Lampedusa (come lo chiama Orlando), e sono venuta a conoscenza di dettagli della sua personalità che normalmente restano in ombra; a questi si aggiungono quelli della vita da scrittore e altri particolari in merito al rapporto tra i due.
Assistiamo così ad una vera e propria metamorfosi dell’autore maggiore, dapprima raffigurato come precettore privato di Orlando e pochi altri allievi, e poi come scrittore che a piccoli passi e dopo un’intera vita può assaporare il gusto del successo grazie al romanzo che lo ha reso celebre al grande pubblico: Il Gattopardo.
Durante le lezioni Tomasi di Lampedusa fa avvicinare i suoi uditori/lettori al mondo delle letterature francese, inglese, tedesca, russa e spagnola, la conoscenza delle quali presuppone lo studio delle relative lingue, a cui farà appassionare tra gli altri anche il giovane Orlando. Al tempo stesso darà sfoggio della sua vasta cultura che, a detta del critico, va ben oltre gli autori maggiori che riporta nel suo libro. Sarà basandomi proprio su questi che il mio elaborato prenderà forma, menzionando quei letterati francesi che tanto hanno dato, in primis, alla loro nazione e di riflesso anche alla nostra. Infatti dalle loro biografie scopriamo come in tanti siano approdati in Italia per avere un confronto con la nostra tradizione, i nostri usi e costumi e le cui testimonianze di stima è possibile ritrovare nei loro scritti.
Questo percorso risulta particolarmente utile perché ci permette di comprendere con quali premesse Tomasi di Lampedusa arrivi a concepire il suo capolavoro e quindi le influenze che caratterizzano il suo modo di scrivere.

Mostra/Nascondi contenuto.
- 1 - INTRODUZIONE Il mio lavoro di tesi intende mettere in relazione il mondo della letteratura italiana a quello della letteratura francese. Certamente la pretesa non è quella di prendere in esame vasti periodi temporali bensì di circoscrivere la mia analisi ai secoli XVII- XIX, ovvero il periodo preso in considerazione da Giuseppe Tomasi di Lampedusa, l’autore di partenza del mio elaborato. Il punto di vista di cui mi sono servita è quello del critico Francesco Orlando, siciliano di Palermo anch’egli. Leggendo il suo testo, Ricordo di Lampedusa, ho ripercorso le tappe principali della vita privata di Lampedusa (come lo chiama Orlando), e sono venuta a conoscenza di dettagli della sua personalità che normalmente restano in ombra; a questi si aggiungono quelli della vita da scrittore e altri particolari in merito al rapporto tra i due. Assistiamo così ad una vera e propria metamorfosi dell’autore maggiore, dapprima raffigurato come precettore privato di Orlando e pochi altri allievi, e poi come scrittore che a piccoli passi e dopo un’intera vita può assaporare il gusto del successo grazie al romanzo che lo ha reso celebre al grande pubblico: Il Gattopardo. Durante le lezioni Tomasi di Lampedusa fa avvicinare i suoi uditori/lettori al mondo delle letterature francese, inglese, tedesca, russa e spagnola, la conoscenza delle quali presuppone lo studio delle relative lingue, a cui farà appassionare tra gli altri anche il giovane Orlando. Al tempo stesso darà sfoggio della sua vasta cultura che, a detta del critico, va ben oltre gli autori maggiori che riporta nel suo libro. Sarà basandomi proprio su questi che il mio elaborato prenderà forma, menzionando quei letterati francesi che tanto hanno dato, in primis, alla loro nazione e di riflesso anche alla nostra. Infatti dalle

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Concetta D'alfonso Contatta »

Composta da 46 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1497 click dal 30/10/2012.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.