Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Peleo e Teti: una relazione asimmetrica

La ricerca che ho scelto di condurre ha come finalità principale quella di delineare i tratti di due figure mitiche: Peleo, un mortale, e Teti, una delle Nereidi, i genitori di Achille. L’obiettivo è studiare la loro relazione asimmetrica, soffermandosi in particolar modo sulle difficoltà e le incomprensioni di coppia: la convivenza tra un uomo e una dea, una mésalliance appunto, non è per nulla facile.
L’indagine è il risultato di una collazione di elementi presenti nelle fonti in cui è attestato il rapporto di Peleo e Teti, anche se, nel corso del mio lavoro, ho comunque cercato di approfondire tutto ciò che ruota attorno a questo connubio: ad esempio, ho specificato l’esistenza di un’altra divinità, Τηθύς, la compagna di Oceano, che non va confusa con Teti, ho analizzato il ruolo della Nereide nell’Iliade e mi sono occupato della παιδεία di Achille. La metodologia seguita si è basata sul confronto delle varie fonti: ogni informazione relativa alla mésalliance di Peleo e Teti e tutti gli eventi (più o meno strettamente) ad essa collegati trovano appunto corrispondenza nelle fonti esaminate.
Lo studio è articolato in cinque capitoli: il primo è strettamente propedeutico, mentre gli altri, in particolar modo il quarto e il quinto, approfondiscono le caratteristiche e tutti gli aspetti del connubio asimmetrico di Peleo e Teti. La finalità primaria è quella di cercare di disporre tutte le fonti secondo un ordine che sia coerente il più possibile, per quanto nel mito non è sempre facile stabilire una sequenza precisa e impeccabile tra i fatti, soprattutto perché le suddette fonti presentano molte varianti. Inoltre nel mito manca una cronologia continua e la differente qualità del tempo mitico si riflette sulla differente qualità dei personaggi mitici, rispetto al tempo e ai personaggi del mondo umano.
Una tessera essenziale per comporre il mito è la θνητογαμία («matrimonio con un mortale») di Teti: il momento in cui mondo umano e divino si fondono. I doni degli dei che Peleo riceve e dai quali non può sfuggire enfatizzano maggiormente la distanza tra le due ‘razze’, soprattutto per il fatto che, in fin dei conti, quei regali (asta di frassino, μάχαιρα e cavalli immortali) gli sono di poca utilità: l’unico dono positivo è aver avuto la possibilità di sposarsi con una dea per innalzare la propria stirpe. Purtroppo l’unione tra nature separate (umana e divina) non è stabile: lo è solo il giorno in cui si celebra la fastosa cerimonia nuziale, durante la quale Peleo è accolto nella cerchia divina, praticamente un istante. La cattura di una dea marina ha come obiettivo la conquista della sua fecondità, non una vita coniugale duratura: del resto la profezia di Temi non implicava una relazione stabile ed edificante.
La mésalliance è destinata a rompersi: le nozze dell’eacide con la figlia di Nereo determinano una separazione di quest’ultima dal mondo divino, dissociazione di cui la Nereide risente. Impossibilitata a trascorrere la sua esistenza a Ftia, nel mondo degli umani, in seguito alla trasgressione di Peleo, il quale le impedisce di rendere immortale il figlio Achille, ritorna nel mare: la mancata immortalità del Pelide sanziona inevitabilmente il distacco tra uomini e dei.
Nelle Argonautiche di Apollonio Rodio, Teti, dopo aver abbandonato lo sposo, riemerge dalle acque per aiutare Peleo e gli altri Argonauti nell’attraversamento delle Plancte, soddisfando così la richiesta di Era, sua nutrice: la dea, sfiorando la mano del mortale, dà il primo segnale del fatto che, almeno in parte, è ancora legata a lui, se non altro perché è l’uomo con il quale ha dato alla luce Achille, l’eroe che, ucciso a Troia, sarà ricordato per l’eternità per il suo valore. È nell’esodo dell’Andromaca euripidea che Teti, abbandonate aridità e amarezza, giunge nella pianura di Ftia e dona a Peleo la promessa di una felicità eterna, da vivere in coppia, negli abissi. Egli, dopo la morte, diventerà un dio: il matrimonio, che sembrava fallito e perduto, si salva in un altrove, nel mare, dove finalmente Peleo potrà trovare la serenità e fare visita a suo figlio nell’Isola Bianca.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione La ricerca che ho scelto di condurre ha come finalità principale quella di delineare i tratti di due figure mitiche: Peleo, un mortale, e Teti, una delle Nereidi, i genitori di Achille. L’obiettivo è studiare la loro relazione asimmetrica, soffermandosi in particolar modo sulle difficoltà e le incomprensioni di coppia: la convivenza tra un uomo e una dea, una mØsalliance appunto, non è per nulla facile. L’indagine è il risultato di una collazione di elementi presenti nelle fonti in cui è attestato il rapporto di Peleo e Teti, anche se, nel corso del mio lavoro, ho comunque cercato di approfondire tutto ciò che ruota attorno a questo connubio: ad esempio, ho specificato l’esistenza di un’altra divinità, Τηθύς, la compagna di Oceano, che non va confusa con Teti, ho analizzato il ruolo della Nereide nell’Iliade e mi sono occupato della παιδεία di Achille. La metodologia seguita si è basata sul confronto delle varie fonti: ogni informazione relativa alla mØsalliance di Peleo e Teti e tutti gli eventi (piø o meno strettamente) ad essa collegati trovano appunto corrispondenza nelle fonti esaminate. Preziosi strumenti per la ricerca sono stati i lessici, i dizionari, le enciclopedie mitologiche, i saggi commentati e i siti internet, le cui informazioni sono state selezionate prestando soprattutto una particolare attenzione alle fonti greche e anche a quelle latine. Devo molto al LIMC, Lexicon Iconographicum Mythologiae Classicae (LIMC), (edd.) H.C. Ackermann - J.R. Gisler, I-VIII, Indices, Zürich-München-Düsseldorf 1981-1999, ad A. Brelich, Gli eroi greci. Un problema storico-religioso, Roma 1958 (rist. Milano 2010), a F. Frontisi-Ducroux, L’homme-cerf et la femme-araignØe. Figures grecques de la mØtamorphose, Paris 2003 e al DEMGOL, Dizionario Etimologico della Mitologia Greca, coordinato dal gruppo di ricerca del Prof. Ezio Pellizer (G.R.I.M.M.) per l’Università di Trieste. Lo studio è articolato in cinque capitoli: il primo è strettamente propedeutico, mentre gli altri, in particolar modo il quarto e il quinto, approfondiscono le caratteristiche e tutti gli aspetti del connubio asimmetrico di Peleo e Teti. La finalità primaria è quella di cercare di disporre tutte le fonti secondo un ordine che sia coerente il piø possibile, per quanto nel mito non è sempre facile stabilire una sequenza precisa e impeccabile tra i fatti, soprattutto perchØ le suddette fonti presentano molte varianti. Inoltre nel mito manca una cronologia

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Michele Marassi Contatta »

Composta da 185 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 442 click dal 30/10/2012.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.