Skip to content

Questioni controverse in tema di impresa familiare

Informazioni tesi

  Autore: Maria Michela Chiarandini
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1999-00
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Michele Sesta
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 185

Con l'inserimento nel codice civile italiano dell'istituto dell'impresa familiare, grazie alla riforma del diritto di famiglia del 1975, sono stati attuati una serie di principi fondamentali che l'ordinamento giuridico italiano riconosce anche nell'ambito del nucleo familiare.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Capitolo 1 La riforma del diritto di famiglia e la novità all’art. 230 bis c.c.: l’impresa familiare Paragrafo 1 Il nuovo istituto come prodotto della legge 151/75 ed elemento di rottura col passato. I modelli di “impresa a spiccata caratterizzazione familiare” precedenti la riforma e la comunione tacita familiare Con la legge 19 maggio 1975, n. 151 il Parlamento Italiano ha approvato quella che a tutt’oggi rappresenta la legge di riforma del diritto di famiglia vigente nello Stato Italiano. Scopo precipuo della novella fu innovare i regimi patrimoniali della famiglia, rendendo legale, e quindi prioritario, salva la possibilità della “diversa convenzione”, il regime di comunione dei beni dei coniugi, rimettendo ad una scelta consapevole dell’autonomia privata il regolamento patrimoniale dei propri rapporti, secondo quella parità sostanziale garantita dagli artt. 2, 3 e 29 Cost.. Ma non solo. A riprova di questa esigenza così fortemente sentita dal legislatore, questi ha creato degli ulteriori meccanismi di regolazione dei rapporti economici (il fondo patrimoniale, costituito da terzi, e l’impresa familiare), facendo peraltro salve le consuetudini della comunione tacita familiare. Questa legge, figlia dell’ideologia propria di una società che vede nella famiglia “un ente regolato per la vita e lo sviluppo dei suoi membri”1 si è però trovata ad operare in un’epoca, comunemente indicata come post-industriale, di profondi mutamenti nei rapporti sociali, in un’era di transizione, in attesa di un nuovo referente sociale dopo quello agricolo e quello industriale. Mutando le fattispecie sociali e quindi anche i modelli e le tecniche di individuazione e di tutela, l’unitarietà delle categorie giuridiche tradizionali -proprietà, impresa, famiglia e responsabilità- si è inevitabilmente attenuata. La pluralizzazione dei genus ha così investito anche la famiglia, che non è più una, ma plurima, nel senso che ne esiste una pluralità di immagini e dimensioni: anche in questo settore il processo storico-sociale si è evoluto dunque dalla “famiglia” alle “famiglie”. Di conseguenza, quelle regole e categorie giuridiche cui si rinviava generalmente non rappresentano più un criterio diretto di valutazione della medesima realtà sociale, e la regola della libertà personale dei singoli membri, tutelata col potenziamento dell’autonomia privata, funge ora da elemento centrifugo nei confronti delle regole dell’unità e dell’uguaglianza, funzionali in passato alla stabilità della famiglia legittima. La l. 151/75 appare, quindi, una presa d’atto dei vistosi mutamenti in itinere nella realtà sociale dei rapporti familiari ma, allo stesso modo, l’indicazione precisa del “dover essere”2 dei rapporti personali e patrimoniali, per un assetto ideale paritetico ed egualitario della famiglia moderna. L’art. 230 bis, che con la novella è stato introdotto nel codice civile, non rappresenta che un aspetto di tale adeguamento del diritto alla mutata realtà, quello che riguarda le conseguenze di una prestazione di lavoro avvenuta fra appartenenti al medesimo nucleo, con una accentuazione contemporanea dei profili della solidarietà e dell’uguaglianza fra familiari. 1 A. TRABUCCHI, Natura, legge, famiglia, in Rivista di Diritto Civile, 1977, I , pag. 14. 2 M.C. ANDRINI, Azienda coniugale e impresa familiare, in Trattato di Diritto Commerciale e Pubblico dell’Economia, F. Galgano, XI, Cedam, 1989, pag. 53.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

impresa familiare
solidarietà familiare
diritto di famiglia
riforma del diritto di famiglia
lavoro familiare
familiari collaboratori

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi