Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Commercio elettronico e meccanismi d'imposizione

Scopo di questa tesi è delineare le caratteristiche di fondo del commercio elettronico e analizzare il suo rapporto con le istituzioni, in particolare con le Amministrazioni fiscali. Si cercherà di capire quali sono le problematiche fiscali sollevate dalla nuova modalità d’acquisto che, per le sue caratteristiche intrinseche, ha messo in crisi i capisaldi del sistema fiscale tradizionale, nonché valutare l’impatto delle imposte sul commercio elettronico e, quindi indirettamente, sulla diffusione e affermazione di questa nuova modalità d’acquisto. Il panorama fiscale legato al commercio elettronico comprende tre aree di interesse: trattati fiscali, la fiscalità diretta, la fiscalità indiretta. Le questioni fiscali hanno assunto un’importanza crescente man mano che i dati ufficiali continuamente diffusi a vario livello evidenziavano l’entità degli indicatori economici e la velocità di sviluppo di questo particolare mercato, evidenziando la necessità di una verifica immediata dei principi della fiscalità, visto che i costi sociali della mancata imposizione sulle transazioni on line sono abbastanza elevati. Attualmente la questione è di palpitante attualità, visto anche il susseguirsi di continui interventi di adattamento, cooperazione, coordinamento e armonizzazione delle normative fiscali a livello internazionale.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Il commercio elettronico è un fenomeno che sta assumendo sempre più importanza nelle decisioni di aziende e diistituzioni oltre che per le sue attuali dimensioni per le potenzialità e il prevedibile impatto sulle attività industriali e l’organizzazione delle opportunità d’acquisto da parte dei consumatori. Il commercio elettronico è “il sistema che consente di effettuare transazioni in modo elettronico fra due o più entità collegate tra loro tramite apparati informatici e sistemi di telecomunicazioni, vendendo o acquistando beni e servizi attraverso una forma di pagamento elettronico ed un sistema di consegna a domicilio o attraverso una consegna digitale. Tutte le fasi di acquisizione delle informazioni, selezione, scelta, ordine, pagamento dei prodotti, validazione, evasione dell’ordine e gestione delle fasi post-vendita sono effettuati con modalità elettroniche”. Il commercio elettronico comprende molte attività diversificate, quali la compravendita di beni e servizi per via elettronica, la distribuzione in linea di contenuti digitali, le gare d’appalto e le vendite all’asta, la selezione in linea dei fornitori, il trasferimento elettronico di fondi, le contrattazioni elettroniche di borsa, il marketing diretto dei beni e servizi per il consumatore, nonché l’assistenza post-vendita. Scopo di questa tesi è delineare le caratteristiche di fondo del commercio elettronico e analizzare il suo rapporto con le istituzioni, in particolare con le Amministrazioni fiscali. Si cercherà di capire quali sono le problematiche fiscali sollevate dalla nuova modalità d’acquisto che, per le sue caratteristiche intrinseche, ha messo in crisi i capisaldi del sistema fiscale tradizionale, nonché valutare l’impatto delle imposte sul commercio elettronico e, quindi indirettamente, sulla diffusione e affermazione di questa nuova modalità d’acquisto.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Alessandro Greco Contatta »

Composta da 224 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3820 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.