Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La scuola della fantasia. I bambini e le bambine di Gianni Rodari

La tesi si compone di tre capitoli. Nel primo c'è una ricostruzione storico-bibliografica del contesto e della vita di Rodari. Il secondo capitolo analizza nel dettaglio l'opera Grammatica della fantasia, con la relativa immagine di infanzia che ne emerge. Il terzo ed ultimo capitolo analizza, invece, a figura di bambino che emerge dall'opera Favole al telefono. In particolare, si è indagato sul rapporto padre-figlia.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Capitolo Primo Rodari: una vita divisa tra giornalismo e romanzi per l’infanzia 1.1. L’infanzia e la giovinezza Gianni Rodari nasce ad Omegna, sul lago d’Orta, in provincia di Novara, il 23 ottobre 1920, da genitori lombardi. Il padre, Giuseppe, esercita l’attività di fornaio nella centrale via Mazzini. È alle sue seconde nozze: quando si risposa con Maddalena Aricocchi, ha già un figlio, Mario, di dodici anni. Appena nato, Gianni è affidato ad una balia, in quanto la madre non può accudirlo, dovendo aiutare il marito nel negozio. A circa un anno di distanza nasce il fratello Cesare. Il negozio dei genitori si affaccia sulla via: sul retro c’è il forno, al piano superiore l’abitazione. L’edificio è a pochi metri dalla riva del lago. Sono queste le prime immagini che colpiscono il piccolo Rodari: il lago e la corona dei monti. Gianni è un bambino schivo, basso e di corporatura minuta, che non lega con i coetanei. Ha un buon rapporto con il fratello Cesare, ma non lo segue nelle sue scorribande. Il fratello maggiore, Mario, ricordato come un ragazzo vivace, un po’ turbolento, non ha confidenza con i fratelli minori, anche per la notevole differenza di età. Gianni trascorre molto tempo da solo, rifugiandosi soprattutto nella lettura; forse è proprio questa condizione di solitudine a stimolare in lui la contemplazione e le fantasticherie e a renderlo precocemente pensoso. Tre esperienze sembrano essere fondamentali nell’infanzia di Rodari: l’ambiente, il padre e la religione. Gli basta infatti guardarsi intorno, dal cortile di casa, soprattutto nella Omegna di allora, per abbandonarsi a suggestioni fantastiche. Le poche cose

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della formazione continua

Autore: Rosaria Pia Carbone Contatta »

Composta da 84 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6554 click dal 07/11/2012.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.