Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Sistema di controllo interno nelle società quotate. Il D. Lgs. 231/2001 nel settore energetico Italiano.

L’evoluzione del sistema impresa è sempre alla ricerca di un funzionamento efficiente che possa tutelare le esigenze dei portatori di interesse a vario titolo.
Le lezioni derivanti dalla crisi economica finanziaria, nonché la moltitudine delle crisi aziendali, hanno moltiplicato le pressioni.
Il cambiamento tecnologico continuo aumenta la complessità fornendo, da un lato, maggiori possibilità di tutela ma, dall’altro, anche potenziali vulnerabilità come per esempio quelle che riguardano la cyber security.
Contribuire alla ricerca dell’efficienza di una nuova governance, non solo in forma di regole, è l’intendimento di base anche del controllo interno.
Il crescente sviluppo delle società italiane ed il rapido sviluppo dei marcati borsistici internazionali hanno posto seri problemi in tema di controlli da eseguirsi rispetto a questi tipi di imprese; è fuori discussione che il ruolo svolto dalla Consob e dalle società di revisione, con la finalità di effettuare un’analisi relativa alla situazione dal punto di vista della concorrenza contabile oltre che di comportamento, sia di grande interesse, ma soprattutto di estrema utilità, onde evitare situazioni scandalose e fallimenti con ripercussioni sui mercati borsistici.
Proprio gli scandali finanziari che hanno coinvolto alcune delle grandi imprese quotate sui più importanti e principali mercati borsistici del mondo ed i recenti fallimenti di noti grandi gruppi industriali italiani, che peraltro mostravano sicurezza ed ottima salute, hanno avuto un notevole impatto sull’opinione pubblica e sugli stakeholders.
Tali avvenimenti hanno evidenziato l’incapacità dei controlli «esterni» di individuare le situazioni critiche e meritevoli di maggiore attenzione, ma è proprio da tali avvenimenti che si è riusciti a comprendere ancora una volta quanto importante possa essere un efficace Sistema di Controllo Interno che riesca ad arginare ed isolare fenomeni di illegalità e di corruzione a danno degli stakeholders.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE. The only way to do great work is to love what you do. If you haven't found it yet, keep looking. Don't settle. As with all matters of the heart, you'll know when you find it. (Steve Jobs) L’evoluzione del sistema impresa è sempre alla ricerca di un funzionamento efficiente che possa tutelare le esigenze dei portatori di interesse a vario titolo. Le lezioni derivanti dalla crisi economica finanziaria, nonché la moltitudine delle crisi aziendali, hanno moltiplicato le pressioni. Il cambiamento tecnologico continuo aumenta la complessità fornendo, da un lato, maggiori possibilità di tutela ma, dall’altro, anche potenziali vulnerabilità come per esempio quelle che riguardano la cyber security. Contribuire alla ricerca dell’efficienza di una nuova governance, non solo in forma di regole, è l’intendimento di base anche del controllo interno. Il crescente sviluppo delle società italiane ed il rapido sviluppo dei marcati borsistici internazionali hanno posto seri problemi in tema di controlli da eseguirsi rispetto a questi tipi di imprese; è fuori discussione che il ruolo svolto dalla Consob 1 e dalle società di revisione, con la finalità di effettuare un’analisi relativa alla situazione dal punto di vista della concorrenza contabile oltre che di comportamento, sia di grande interesse, ma soprattutto di estrema utilità, onde evitare situazioni scandalose e fallimenti con ripercussioni sui mercati borsistici. 1 La Commissione Nazionale per le Società e la Borsa, istituita con la legge 7 giugno 1974, n. 216, è un'autorità amministrativa indipendente, dotata di personalità giuridica e piena autonomia la cui attività è rivolta alla tutela degli investitori, all'efficienza, alla trasparenza e allo sviluppo del mercato mobiliare italiano.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Carmen Angelino Contatta »

Composta da 182 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1752 click dal 14/11/2012.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.