Skip to content

L'uso di ''ma'' come congiunzione avversativa e come segnale discorsivo nell'italiano scritto standard e nell'italiano del Web

Informazioni tesi

  Autore: Nectaria Giannaraki
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Consorzio ICoN - Italian Culture on the Net
  Facoltà: Lingua e Cultura Italiana
  Corso: Lettere
  Relatore: Silvia Luraghi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 36

In questa tesi viene presa in esame la lingua trasmessa. In particolare viene analizzato l'uso della particella ma dal punto di vista avversativo e del segnale discorsivo in due corpora di testi diversi, uno tratto da forum italiani e l'altro tratto da CORIS, sito di corpora di italiano scritto. L'obiettivo di questo lavoro è di vedere se il ma segnale discorsivo ( tratto tipico della lingua parlata) è più frequente nello scritto informale.

Nel primo capitolo vengono messe a fuoco le caratteristiche dello scritto e del trasmesso a cui seguono le differenze essenziali tra la lingua scritta e parlata. In seguito viene esaminata la lingua digitale e vengono riportate alcune sue caratteristiche.

Il lavoro prosegue con una definizione della particella ma; nel capitolo successivo, viene analizzata la frase paratattica e ipotattica e viene discussa la funzione di ma come congiunzione avversativa. Il lavoro prosegue trattando i connettivi testuali e le loro proprietà.

Il quinto capitolo è dedicato ai segnali discorsivi per cui vengono approfondite le loro proprietà e vengono esaminate le diverse funzioni che svolge il ma sotto il suo uso pragmatico vale a dire il suo significato primario non cambia ma si riveste di sfumature dipendenti dal contesto linguistico e situazionale.

Nell'ultimo capitolo, dopo aver individuato gli usi semantici e gli usi pragmatici della particella ma nei due corpora, viene fatto un confronto dei risultati e sono riportati i diagrammi con gli usi individuati in ogni corpora. I risultati confermano la differenza nell'uso linguistico tra scrittura formale giornalistica e linguaggio dei forum e l'influenza della lingua parlata su quella scritta. Inoltre , questi dati confermano la presenza di un linguaggio che ricalca il parlato.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Nel corso del mio studio della lingua italiana, culminato poi nel mio percorso di studi Icon, ho avuto modo di approfondire l'uso del lessico nei diversi contesti e più specificamente la variazione dell'uso di una parola sull'asse diamesico, diafasico, diastratico e diatopico. Particolare interesse ha suscitato in me il problema della variazione tra contesti formali e informali. Più specificamente ho rivolto la mia attenzione ai nuovi mezzi di comunicazione, la cui lingua si evolve spesso con peculiarità proprie e con tratti più vicini a quelli della lingua informale e parlata che non a quelli dello scritto. Ho così deciso di confrontare, per quanto riguarda l'italiano scritto trasmesso, l'uso della lingua dei forum con quello della lingua standard. Dovendo restringere la mia analisi ad un singolo aspetto, concentrerò la mia attenzione sulla particella ma, studiandola sia dal punto di vista avversativo che del segnale discorsivo. Il mio lavoro prova a delineare questi due usi diversi in due corpora di testi differenti, uno tratto da forum italiani da me raccolto da web e uno tratto da CORIS, sito di corpora di italiano scritto. Il lavoro, partendo da un'analisi della lingua scritta e parlata, prosegue con un approfondimento delle caratteristiche della lingua digitale. In seguito viene data una definizione dell'elemento grammaticale ma e vengono individuati i suoi usi sulla base della letteratura esistente. Il lavoro si conclude classificando le occorrenze del ma stesso e analizzandone i risultati. L'obiettivo di questa tesi è di distinguere gli usi semantici di ma dagli usi pragmatici nei due corpora di testi. Verranno quindi confrontati da un lato tutti gli usi di tipo chiaramente avversativo della congiunzione (siano essi di sintagmi, frasi semplici o periodi) e dall'altro gli usi di segnale discorsivo. Lo scopo del lavoro è vedere se questi ultimi usi, tipici del parlato, sono più presenti nel corpus tratto da forum rispetto al CORIS. 4

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

italiano standard
congiunzione
avversativa
usi di ma
sengale discorsivo
italiano del web
congiunzione testuale
connettivi testuali
linguaggio dei forum
scrittura formale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi