Skip to content

The Women in Beowulf

Informazioni tesi

  Autore: Lucrezia Stocco
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lingue e culture moderne
  Relatore: Giuseppe Brunetti
  Lingua: Inglese
  Num. pagine: 29

There are eleven women in Beowulf; of them, five have a name: Wealhtheow, King Hrothgar’s wife (the only woman who actually speaks); Hildeburh, the main character of the Finn episode narrated by the scop at Heorot; Hygd, King Hygelac’s wife; Modthryth (or Thryth), whose appearance in the poem as a “bad queen” seems to illustrate the example of a deviated “peace-weaver”, and in this aspect her role is similar to Heremod’s, the Danish king who, instead of giving treasures to his thanes and creating around him a net of allegiances, killed them. Finally, the last woman who has a name in the poem is Freawaru, King Hrothgar’s daughter, whose existence we become aware of for the first time only when Beowulf relates to Hygelac about his Danish experience. These five women are all queens.
The other women of the poem are Grendel’s monstrous mother (who can hardly be defined a woman), a nameless Geatish woman who mourns for Beowulf’s death at the end of the poem and, finally, four other women who are only mentioned briefly by the author. The first of them we meet is Healfdene’s daughter, that is Hrothgar’s sister, of whom we know that she married Onela the Swede:
hyrde ic þæt [… …On]elan cwen, / Heaðo-Scilfingas healsgebedda.
("I heard that she was Onela’s queen / a balm in bed for the Scilding")

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
There is no other speech by Wealhtheow, but she is mentioned again when Beowulf tells Hygelac about his Danish deeds, and describes her as a “friðusibb folca”, that is as a “pledge of peace between the peoples” 10 . The hero here summarizes the queen’s behaviour and actions at Heorot - she went throughout the hall, encouraging the young men and giving them circlets. Hildeburh This Danish princess is the main character (together with Hengest) of the “Finn episode” (lines 1071-1159a) narrated by the scop at Heorot after Beowulf’s victory over Grendel. She has married the Frisian King Finn, probably in order to soothe a feud between her people and the Frisians. However, when her brother Hnæf with his thanes comes to visit her at Finn’s stronghold, the feud is resumed. During a battle between Danes, Frisians and also Jutes, Hildeburh’s son and Hnæf are killed. She then decides to burn brother and son on the same funeral pyre and accompanies the ceremony with a mourning song. After a while, Hengest, one of Hnæf’s thanes, avenges his lord by killing Finn (who is responsible for Hnæf’s death, though it was not he who actually killed him) and goes back to Denmark bringing with him Finn’s treasures and Hildeburh. This is the plot of the story, but what lines 1071-1159a actually tell are the events which follow the first battle between Danes and Frisians, during which Hildeburh’s son’s and Hnæf’s fate is revealed. Lines 1071-1079a begin the story describing the queen’s sorrow: Ne huru Hildeburh herian þorfte Eotena treowe; unsynnum wearð beloren leofum æt þam [l]i[n]dplegan bearnum ond broðrum; hie on gebyrd hruron, gare wunde; þæt wæs geomuru ides. Nalles holinga Hoces dohtor Meotodsceaft bemearn syþðan morgen com, ða heo under swegle geseon meahte morþorbealo maga. 11 (1171-1179a) 10 Line 2017. 11 “Indeed Hildeburh had no need to praise the loyalty of the Jutes; without guilt she was deprived of dear ones at that shield-play, of son and brother; they fell before their fate, wounded by the spear; that was a mournful lady. Not at all without cause did the daughter of Hoc mourn the decree of fate when morning came, when she under the sky could see the slaughter of kinsmen.” 6

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

women
beowulf
enemy
grendel
monster
freawaru
wealhtheow
mother
hrothgar
hildeburh
danes
frisians
hengest
horsa
hygd
thryth
peaceweavers
hostesses
heathobards
geatish
peace-pledges
warrior
anglo-saxon
strifeweavers

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi