Skip to content

L’evoluzione della tutela della lavoratrice madre nel mondo del lavoro.

Informazioni tesi

  Autore: Clelia Marchello
  Tipo: Diploma di Laurea
  Anno: 2010-11
  Università: Università Telematica "E-Campus"
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Servizi giuridici per l'impresa
  Relatore: Giovanni MariaCasamento
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 120

La tutela delle lavoratrici fin dai tempi dell’antica Roma, non è mai stata classificata come scopo per una libertà civile adeguata allo Stato, ma nonostante ciò le donne hanno sempre lavorato. Con il trascorrere dei secoli, anzi la donna ha dovuto accostare il lavoro svolto nella propria dimora o accanto al marito, ad uno svolto fuori. Con la rivoluzione industriale e la conseguente depauperazione delle campagne, la donna si è dovuta trasferire nelle città dove sorgevano le fabbriche e trasformarsi in operaia a fianco dei lavoratori maschi. L’inserimento guardato con disapprovazione dagli operai è stato salutato con entusiasmo dai datori di lavoro, improvvisati industriali, perché hanno visto nelle donne la possibilità di avere manodopera a basso costo e da sfruttare. Le donne guadagnavano fino alla metà degli uomini e facevano più ore. La legislazione sociale non aiutava la categoria delle donne finché non furono emanate le prime leggi a tutela delle donne lavoratrici e in modo speciale per quelle madri. La tutela, all’inizio era di tipo protettiva, che se da un lato aiutava le donne dall’altro le penalizzava perché essendo i costi della maternità a carico dei datori di lavoro ne aumentava il costo. La tutela con gli anni, si è trasformata in tutela di pari opportunità tra i lavoratori di entrambi i sessi, senza distinzione. In seguito e fino ad arrivare ai nostri giorni, la tutela si è radicalmente trasformata attraverso le “discriminazioni positive”, non solo si tutela la parità, ma anzi si innescano dei meccanismi che fanno preferire le donne come lavoratrici rispetto agli uomini. Ciò è avvenuto sia in Italia che in tutti i paesi dell’Unione europea, con modalità di applicazione diversa. Oggi per noi donne è molto più semplice trovare lavoro rispetto agli anni passati esistendo norme a nostra tutela che vanno ben oltre la semplice parità di trattamento. Sono in vigore leggi che permettono alle donne di essere lavoratrici, ma anche di essere anche madri, affinché l’intero universo possa ritrovare l’armonia con la quale era stato creato.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 Prefazione – Perché ho scelto questo argomento. Il trattamento economico sociale delle lavoratrici madri è sempre stato per me oggetto di interesse specifico, facendo parte, appunto di questa categoria. La conciliazione tra mondo del lavoro e mura domestiche è da ritenere quella più difficile, l’armonizzazione tra i due compiti che si prefiggono le donne lavoratrici madri è impresa ardua. Essere allo stesso tempo madre - responsabile di una famiglia con le proprie esigenze e necessità e lavorare alle dipendenze di un’altra persona sembra quasi inconciliabile. Da tempi memorabili, però, le donne hanno avuto la necessità di lasciare la casa per andare a lavorare fuori. Questa necessità è nata essenzialmente da problemi economici, legati alla sopravvivenza della propria famiglia. Così le donne si sono incamminate, in punta di piedi, verso l’irto cammino di lavoratrici. Le necessità economiche di ogni microcosmo ristretto di una famiglia non ha interessato il macrocosmo del campo lavorativo, nel quale le donne non sono state introdotte con entusiasmo. Le categorie di lavori svolti dalle donne sono gradatamente passate da lavori considerati prettamente

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

tutela donne lavoratrici
leggi donne lavoratrici
testo unico maternità
dlgs 26/3/2001 n. 151
lavoro
donne
maternità

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi