Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'Archivio Scolastico. Un caso particolare: la Scuola Media Statale ''Michele Cipolla''

Cosa possa rappresentare un archivio scolastico all’interno di un progetto didattico è possibile rilevarlo da numerose iniziative di ricerca portate avanti in varie scuole italiane. Buona parte di esse riguardano la questione della ricerca e della ricostruzione della identità, nonché dei percorsi degli studenti e dei docenti.
La ricerca in archivio, guidata dagli insegnanti, ma condotta dagli studenti, ha permesso di ritrovare nomi, documenti, indirizzi, alcuni dei quali potevano riguardarli . Questo può creare e crea incontri pieni di commozione fra anziani protagonisti delle ricerche e gli studenti che li avevano cercati e spesso ritrovati.
Stessa metodica è stata utilizzata per ricerche diverse, dedicate, ad esempio, alla ricostruzione della storia del territorio, per l’esplorazione dell’antico tessuto produttivo, dei mestieri tradizionali, della vita durante la guerra, dell’emigrazione.
Alla luce di quanto detto, la Direzione Generale per gli Archivi, consapevole dell’importanza di un approccio diretto alla documentazione per la crescita della conoscenza e di una coscienza storica, ha sostenuto alcune di queste iniziative, nel quadro di un più generale progetto di tutela degli archivi scolastici fin dalla loro formazione, tendente a preservarne la documentazione e a valorizzarla sia all’interno che all’esterno degli Istituti Scolastici.
Particolare attenzione è stata anche dedicata dalla Direzione Generale anche alla messa a punto delle Linee Guida per lo scarto negli archivi delle Istituzioni Scolastiche, con una serie di indicazioni per la gestione degli archivi e sui tempi di conservazione delle diverse tipologie di documenti.

Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO PRIMO Dall’ Archivio post unitario all’ Archivio contemporaneo In un contesto di analisi e ricerca concernente l’Archivio Scolastico, in tutte le sue sfaccettature e peculiarità, non può prescindersi dal ricondurre ogni dissertazione di approfondimento alla definizione e qualificazione degli Archivi nella loro più ampia essenza. Nel comune sentire, capita sovente di collegare l’archivio ad un deposito traboccante di documenti pieni di polvere e di scarso interesse pratico ma di alto interesse amministrativo. E’ per questa considerazione che, con ogni probabilità, l’archivio è stato via via collocato in una specie di isolamento, così che molti non hanno la consapevolezza che deve essere ritenuto un bene culturale da tutelare, conservare e valorizzare, nella considerazione che al suo interno “riposano” le storie e le memorie di una comunità. Esso è costituito da svariati documenti, spesso legati fra loro, per cui ciascuno di essi condiziona gli altri in maniera reciproca. 1 A ben vedere infatti sono due gli elementi che caratterizzano un archivio: l’insieme dei documenti e le relazioni che intercorrono fra essi; atti 1 Elio Lodolini, Archivistica. Principi e problemi, Milano 2002 5

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Martina Forcieri Contatta »

Composta da 88 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 540 click dal 21/11/2012.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.