Skip to content

Vittimologia penitenziaria: uno studio esplorativo nella Casa Circondariale di Torino

Informazioni tesi

  Autore: Francesca Sicoli
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Georgia Zara
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 141

Lo studio qui presentato, si propone di analizzare uno dei fenomeni sociali di maggiore interesse, che suscita una forte preoccupazione all'interno del sistema giuridico e di esecuzione penale: l'autolesionismo in carcere. Nel tentativo di comprendere non solo "quanto, quando e come" i detenuti si recano danno, ma anche il "perchè" ciò accade, si vagliano tre ipotesi. Da un lato vi è
l’ipotesi che il carcere induca all'autoaggressività e che le condizioni che determina siano la principale causa di questa, dall’altro che esso vada a esacerbare dei fattori di rischio già presenti, e infine vi è l’ipotesi che il tasso di suicidi e di autolesionismo in carcere è maggiore rispetto al resto della popolazione, perché al suo interno sono reclusi individui maggiormente a rischio. Il presente studio esplorativo, condotto presso la Casa Circondariale di Torino, consiste nella analisi dei diari clinici di 789 detenuti ivi reclusi, al fine di valutare il ruolo del carcere all'interno delle dinamiche autolesioniste.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE “Il grado di civilizzazione di una società si misura dalle sue prigioni” recita uno dei più celebri aforismi di Fëdor Dostoevskij. Il progetto di ricerca presentato in questo elaborato di tesi prende, parzialmente, le mosse da questo concetto. Qual è lo stato di salute dei detenuti nelle carceri italiane? Purtroppo dall’esterno, facendo riferimento ai mass media, ai dati forniti dall’Amministrazione Penitenziaria e a quelli messi a disposizione dalle varie banche dati (ad esempio l’Istat), gli unici (o comunque i più frequentemente diffusi) indici di qualità di vita dei detenuti a disposizione sono relativi a tematiche con cui ormai, tristemente, abbiamo familiarizzato. In primis i fenomeni del sovraffollamento e del suicidio in carcere sono diventati la maggiore preoccupazione di chi ha a che fare con l’amministrazione delle carceri. La vittimologia si occupa della relazione tra vittima e aggressore, nella fattispecie della vittimologia penitenziaria il detenuto il cui stato di salute subisce una deflessione costituisce la vittima, e la causa di ciò può essere individuata, in alcuni casi, nelle azioni e/o nelle omissioni esercitate dall’amministrazione penitenziaria. Il concetto di salute ha notevoli sfaccettature e può riguardare diversi ambiti lungo un continuum che va dalla sfera organica alla sfera psichica. Ciò significa che lo stato di salute del detenuto deve essere tutelato tramite la cura di disturbi già presenti e la prevenzione di malattie che non si sono ancora manifestate, senza dimenticare l’attenzione rivolta all’incolumità fisica dell’individuo. Il carcere è infatti un luogo in cui il rischio di subire o agire aggressioni è molto alto e, in particolare, nello studio che verrà svolto in questo elaborato si focalizza l’attenzione su una specifica forma di aggressione: l’aggressione autodiretta. L’autoaggressività in carcere si può esplicare in diverse modalità, la forma di cui siamo più a conoscenza, in quanto viene maggiormente veicolata dai mezzi di informazione di massa, è il suicidio. Rimangono però nell’ombra un’altra serie di atti anticonservativi che non sono diretti alla morte dell’individuo quali il procurarsi tagli o l’astensione da cibi solidi e/o liquidi e tutti quei comportamenti che, pur essendo diretti al decesso dell’individuo, non causano la morte, ovvero i 1

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

carcere
suicidio
autolesionismo
studio esplorativo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi