Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Limiti del PIL tra sostenibilità e benessere

La tesi mira a effettuare, una critica al PIL in quanto è uno strumento che non può seguire gli orientamenti dettati dal benessere e dalla sostenibilità.
Questa tesi mira a strutturare una critica all'indice PIL, una misura della produzione aggregata che ormai da molti anni rappresenta il metro di giudizio per le decisioni politiche e, per valutare le conseguenze di queste, l'argomento è stato già trattato, ma il numero di trattazioni va considerato in base all'oggetto di queste, e più l'oggetto è grande, più le trattazioni in merito risultano insufficienti.

La presente stesura è stata intrapresa perchè nonostante sia appurato il fatto che PIL non può più rappresentare il principale strumento della scienza economica e politica, è chiaro che se a livello istituzionale questo non è ritenuto incontrovertibile, è anche perchè le questioni in merito sono state affrontate molte volte solo in superficie, senza una necessaria collaborazione tra i diversi campi, economico, statistico, sociale, ambientale, ecc...

Credo che l'attuale recessione economica cominciata nel 2008 si sarebbe potuta prevedere e evitare attraverso indicatori più precisi della qualità della vita e della sostenibilità, e ritengo inoltre che senza un cambiamento in questo senso, un superamento della crisi sarebbe solo apparente, a proposito di questo viene citata di seguito una frase di Albert Eistein: "La crisi è la miglior benedizione che può arrivare a persone e paesi, perchè la crisi porta progressi. La creatività nasce dalle difficoltà, nello stesso modo che il giorno nasce dalla notte oscura. E' dalle crisi che nascono l'inventiva, le scoperte e le grandi strategie. Chi supera la crisi supera se stesso senza essere superato. Chi attribuisce alla crisi i propri insuccessi e disagi, inibisce il proprio talento e ha più rispetto dei problemi che delle soluzioni."

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Questa tesi mira a strutturare una critica all'indice PIL, una misura della produzione aggregata che ormai da molti anni rappresenta il metro di giudizio per le decisioni politiche, e per valutare le conseguenze di queste, l'argomento è stato già trattato, ma il numero di trattazioni va considerato in base all'oggetto di queste, e più l'oggetto è grande, più le trattazioni in merito risultano insufficienti. La presente stesura è stata intrapresa perchè nonostante sia appurato il fatto che PIL non può più rappresentare il principale strumento della scienza economica e politica, è chiaro che se a livello istituzionale questo non è ritenuto incontrovertibile, è anche perchè le questioni in merito sono state affrontate molte volte solo in superficie, senza una necessaria collaborazione tra i diversi campi, economico, statistico, sociale, ambientale, ecc... Credo che l'attuale recessione economica cominciata nel 2008 si sarebbe potuta prevedere e evitare attraverso indicatori più precisi della qualità della vita e della sostenibilità, e ritengo inoltre che senza un cambiamento in questo senso, un superamento della crisi sarebbe solo apparente, a proposito di questo viene citata di seguito una frase di Albert Eistein:”La crisi è la miglior benedizione che può arrivare a persone e paesi, perchè la crisi porta progressi. La creatività nasce dalle difficoltà, nello stesso modo che il giorno nasce dalla notte oscura. E' dalle crisi che nascono l'inventiva, le scoperte e le grandi strategie. Chi supera la crisi supera se stesso senza essere superato. Chi attribuisce alla crisi i propri insuccessi e disagi, inibisce il proprio talento e ha più rispetto dei problemi che delle soluzioni. La vera crisi è la crisi dell'incompetenza. La convenienza delle persone e dei paesi è di trovare soluzioni e vie d'uscita. Senza crisi non ci sono sfide. Senza crisi non ci sono meriti. E' dalle crisi che affiora il meglio di ciascuno, poiché senza crisi ogni vento è una carezza” La tesi è suddivisa in 3 capitoli, il primo capitolo presenta il PIL descrivendone in breve la storia e mostrando la sua scomposizione, 3

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Michelangelo Pacifico Contatta »

Composta da 71 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7600 click dal 04/12/2012.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.