Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

C'era una volta la fiaba. La narrazione come strumento interculturale nella scuola dell'infanzia.

Il tema principale esposto in questo elaborato riguarda l’approccio interculturale attraverso la narrazione delle fiabe e sarà suddiviso come segue.
Il primo capitolo tratterà dell’educazione interculturale, facendo riferimento alle sue origini ed ai suoi significati. Oggi, la consistenza del fenomeno migratorio ha posto l’esigenza del dialogo e dell’educazione interculturale, come strumenti necessari per avvicinare le culture, evitare i conflitti e favorire l’integrazione degli stranieri. Si tratta di un tessuto sociale caratterizzato dall’intreccio di più culture, in cui il confronto e la cooperazione si rivelano come esigenze primarie. Nella società plurale, coabitare non è sufficiente, ma occorre ricercare degli obiettivi comuni e creare insieme una società in cui realizzarsi. In questa parte, verrà proposta una riflessione sulle strategie da attuare sul territorio, ponendo una particolare attenzione sul dialogo interculturale e sulla scoperta dell’altro. I compiti dell’educazione interculturale sono complessi e diverse sono le impostazioni che affronteremo, esaminando le idee di alcuni autori. Infine, verranno prese in considerazione le diverse prospettive dell’interculturalità e le modalità adeguate per costruire una competenza interculturale, con un particolare approfondimento sui pregiudizi e gli stereotipi, considerati come fattori “inquinanti” del dialogo e della relazione autentica.
Il secondo capitolo tratterà della fiaba come “ponte” tra le culture, quindi come strumento didattico capace di creare punti d’incontro per l’educazione interculturale nelle scuole dell’infanzia; la fiaba ci aiuta, infatti, a scoprire le caratteristiche e le differenze che connotano un gruppo, una cultura, un Paese. Partiremo da una riflessione sul valore della narrazione nel riconoscimento “dell’altro” e descriveremo, poi, la fiaba come genere letterario, scoprendo le sue origini. Distingueremo la fiaba dalla leggenda, dal mito e dalla favola, ovvero un genere narrativo molto simile, ma caratterizzato dalla presenza degli animali. Sin dai tempi dell’oralità all’epoca attuale, la fiaba caratterizza tutti i popoli e le culture e viene utilizzata un punto importante di comunicazione e confronto. Elencheremo gli elementi comuni di tutte le fiabe, come l’assenza di descrizioni, l’indeterminatezza delle strutture spazio-temporali, l’uso di formule precise e ripetizioni e l’assenza dell’io narrante. A questo proposito, al fine di dimostrare queste caratteristiche comuni, verrà proposta una storia e una successiva analisi linguistica e stilistica. Successivamente, si parlerà di Vladimir Ja. Propp, grande studioso russo delle origini storiche e morfologiche della fiaba e autore di Morfologia della fiaba, un’opera nella quale propone un modello strutturale per tutte le narrazioni; in particolare, identifica le funzioni immutabili dei personaggi e le loro caratteristiche fondamentali sulla base di una convincente documentazione empirica. Proseguendo, descriveremo i vantaggi della lettura di una fiaba e perché essa si configura come un elemento fondamentale dell’educazione interculturale. La fiaba è uno strumento utile per imparare ad apprezzare le differenze culturali sin da piccoli e questo rappresenta un passo molto importante per lo sviluppo del bambino.
Il terzo capitolo, infine, approfondirà il tema della presenza degli stranieri in Italia e la percentuale di frequenza dei bambini negli asili nido e nelle altre strutture per l’infanzia, grazie alle indagini proposte dall’Istituto nazionale di statistica (Istat).

Mostra/Nascondi contenuto.
2 INTRODUZIONE Il tema principale esposto in questo elaborato riguarda l’approccio interculturale attraverso la narrazione delle fiabe e sarà suddiviso come segue. Il primo capitolo tratterà dell’educazione interculturale, facendo riferimento alle sue origini ed ai suoi significati. Oggi, la consistenza del fenomeno migratorio ha posto l’esigenza del dialogo e dell’educazione interculturale, come strumenti necessari per avvicinare le culture, evitare i conflitti e favorire l’integrazione degli stranieri. Si tratta di un tessuto sociale caratterizzato dall’intreccio di più culture, in cui il confronto e la cooperazione si rivelano come esigenze primarie. Nella società plurale, coabitare non è sufficiente, ma occorre ricercare degli obiettivi comuni e creare insieme una società in cui realizzarsi. In questa parte, verrà proposta una riflessione sulle strategie da attuare sul territorio, ponendo una particolare attenzione sul dialogo interculturale e sulla scoperta dell’altro. I compiti dell’educazione interculturale sono complessi e diverse sono le impostazioni che affronteremo, esaminando le idee di alcuni autori. Infine, verranno prese in considerazione le diverse prospettive dell’interculturalità e le modalità adeguate per costruire una competenza interculturale, con un particolare approfondimento sui pregiudizi e gli stereotipi, considerati come fattori “inquinanti” del dialogo e della relazione autentica. Il secondo capitolo tratterà della fiaba come “ponte” tra le culture, quindi come strumento didattico capace di creare punti d’incontro per l’educazione interculturale nelle scuole dell’infanzia; la fiaba ci aiuta, infatti, a scoprire le caratteristiche e le differenze che connotano un gruppo, una cultura, un Paese. Partiremo da una riflessione sul valore della narrazione nel riconoscimento “dell’altro” e descriveremo, poi, la fiaba come genere letterario, scoprendo le sue origini. Distingueremo la fiaba dalla leggenda, dal mito e dalla favola, ovvero un genere narrativo molto simile, ma caratterizzato dalla presenza degli animali. Sin dai tempi dell’oralità all’epoca attuale, la fiaba caratterizza tutti i popoli e le culture e viene utilizzata un punto importante di comunicazione e confronto. Elencheremo gli elementi comuni di tutte le fiabe, come l’assenza di descrizioni, l’indeterminatezza delle strutture spazio- temporali, l’uso di formule precise e ripetizioni e l’assenza dell’io narrante. A questo proposito, al fine di dimostrare queste caratteristiche comuni, verrà proposta una storia e una successiva analisi linguistica e stilistica. Successivamente, si parlerà di Vladimir Ja. Propp, grande studioso russo delle origini storiche e morfologiche della fiaba e autore di Morfologia della fiaba, un’opera nella quale propone un modello strutturale per tutte le narrazioni; in particolare, identifica le funzioni immutabili dei personaggi e le loro caratteristiche fondamentali sulla

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Erika Piergallini Contatta »

Composta da 31 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 17878 click dal 06/12/2012.

 

Consultata integralmente 16 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.