Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Produzione per via sol-gel e caratterizzazione di filtri ottici riflettenti nell'infrarosso ITO SiO2-TiO2

Filtri ottici per SOL-GEL e SPUTTERING, riflettenti nell'infrarosso, SIO2-TIO2 e ossido di indio drogato con stagno (ITO). Caratterizzazione con varie tecniche, spettroscopia, microscopio a scansione.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Scopo di questa tesi di laurea Ł la messa a punto di una procedura chimica di rivestimento di lastre di vetro finalizzata alla produzione di barriere tagliafuoco trasparenti. La legge di Wien dice che un corpo caldo ha la lunghezza d’onda di massima emissione nel campo dell’infrarosso (ovvero oltre 0.75 µm): per evitare che un qualsiasi materiale si riscaldi in vicinanza di tale sorgente di calore, Ł sufficiente rivestirlo con un film che rifletta tali lunghezze d’onda incidenti. Nel caso della barriera tagliafuoco il materiale da rivestire pu essere comune vetro silico-sodo-calcico, il film applicato un filtro ottico trasparente nel visibile e riflettente nell’infrarosso. In questa tesi di laurea si verifica la possibilit di realizzare quanto detto sfruttando il principio del multi strato composto da film λ/4 (capitoli da 1 a 3), e quello dei film conduttori trasparenti (capitoli da 4 a 6). In questo lavoro non si Ł considerata alcuna temperatura di fiamma a cui la barriera tagliafuoco deve essere refrattaria, poichØ il film multi strato pu essere progettato scegliendo a quale lunghezza d’onda vi deve essere il massimo di riflettanza. Il film conduttore trasparente scelto (In 2 O 3 :Sn), generalmente riflette in un intervallo compreso tra 1 e 50 µm. Tali film sono stati depositati con la tecnica sol-gel; tale tecnica permette di ottenere ricoprimenti vetrosi drogati in maniera semplice e rapida una volta preparata la soluzione con i vari elementi che compongono il film. Viene inoltre investigata la potenzialit della tecnica di deposizione di spinning, al fine di confrontarla con quella gi sperimentata di dipping [29]. I primi due capitoli discutono i principi ottici del film multi strato e di come sfruttando l’interferenza costruttiva dei raggi luminosi uscenti dal film, sia possibile ottenere l’elevata riflettanza in un intervallo di lunghezze d’onda di progetto. Il capitolo tre Ł dedicato alla realizzazione pratica del filtro ottico progettato dall’Istituto GIORDANO S.p.A. Nei capitoli successivi si descrivono le propriet ottiche dei materiali conduttori trasparenti, a cui appartengono i film di indio drogato con stagno (ITO). Tali film vengono attualmente realizzati sfruttando le tecniche di deposizione di sputtering ed evaporazione sotto vuoto, cos come vengono descritte nel primo capitolo. Queste hanno il pregio di depositare ottimi film con le desiderate propriet ottiche, ma con tempi e costi di produzione piuttosto impegnativi: la tecnica sol-gel consente di abbassarli entrambi.

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Francesco Marella Contatta »

Composta da 140 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1880 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.