Skip to content

La Tirrenia di Navigazione S.p.A. : un caso di crisi

Informazioni tesi

  Autore: Giorgia Rinaldoni
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Economia
  Corso: economia aziendale
  Relatore: Maria Teresa Bianchi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 192

La tesi analizza il fenomeno della crisi in una particolare tipologia d’impresa, l’impresa a partecipazione statale. Il caso preso in esame è il Gruppo Tirrenia di navigazione S.p.A.
Ma qual è l’origine della crisi? Quali le cause scaturenti? E di che tipologia si tratta? Dall’analisi del mercato di riferimento, ossia quello cabotiero, e studio dei bilanci del gruppo degli ultimi cinque anni, sono emersi due elementi che hanno caratterizzato la storia del gruppo marittimo pubblico e che ne hanno segnato lo stato di deterioramento quali:
- Il permanente lassismo del soggetto economico pubblico nella gestione dell’attività del gruppo;
- E le continue erogazione di contributi statali che hanno coperto per anni ed anni le effettive perdite d’esercizio celando il vero stato di crisi della compagnia.
I principali effetti del connubio di questi due elementi sono stati: i continui investimenti insensati nell’arco degli ultimi vent’anni; debiti accumulati nel tempo fino a diventare insostenibili; il persistente mancato adeguamento del gruppo pubblico al mercato, non offrendo mai, al contrario degli operatori privati, servizi più duttili ai cambiamenti delle esigenze dei consumatori, comportando sempre più una riduzione degli utili ma sempre e comunque accompagnato da aumento dei costi.

Infatti la certezza degli aiuti da Roma ha consentito a Tirrenia di vivere a lungo al di là delle proprie possibilità e ai suoi manager di avventurarsi a cuor leggero in decisioni bizzarre e in contrasto il principio di economicità. Le navi del gruppo, negli ultimi quindici anni, hanno sempre navigato cronicamente in rosso e la voragine in bilancio è stata saldata ogni anno con denaro pubblico. Negli ultimi anni gli italiani hanno finanziato Tirrenia con 22 euro per ognuno dei 10 milioni di biglietti venduti dalla società. Ogni tre euro incassati dalla compagnia, 1,5 è arrivato a stretto giro di posta da Roma. Infatti il gruppo Tirrenia si è sempre caratterizzato da un Costo del personale che, malgrado un taglio del 67% agli organici tra il 1989 e il 2008, è rimasto sempre superiore del 24,6% a quello dei concorrenti privati.
Una flotta, sempre gravata da ingenti ipoteche a favore di banche, a garanzia dei debiti. E dove la dismissione di alcune navi, ha comportato esclusivamente una riduzione dell’attività nautica del gruppo: meno collegamenti effettuati, meno viaggi compiuti, meno miglia percorse. Ridotto, così, nel tempo, il numero dei passeggeri trasportati, delle auto a seguito e il traffico di automezzi commerciali ma soprattutto degli utili. Da compensi del CdA, sempre stati di importo notevolmente superiore a quelli delle compagnie private, e il loro ammontare si è triplicato nel corso del quinquennio 2003-2007. Infatti il cumulo dei compensi per i consiglieri d’amministrazione è passato dai 320.287 euro del 2003 ai 973.313 del 2007.
Il caso Tirrenia di Navigazione S.p.A. rientra in un tipico esempio di impresa a partecipazione statale caratterizzata da un’amministrazione che progressivamente, anziché seguire una logica di economicità, è entrata nella logica cosiddetta dei “carrozzoni di Stato”, secondo cui non è importante una corretta gestione aziendale, in quanto c’è lo Stato, che con i soldi dei contribuenti, appiana tutto, soprattutto quando l’impresa è destinata ad offrire un servizio di “pubblica utilità” come nel caso in esame.
Oggi dopo il tentativo della scorsa estate di privatizzare il gruppo, il commissario straordinario D’Andrea ha promulgato un’ulteriore bando per la libera presentazione di offerte di compravendita del gruppo cabotiero, scaduto il 20 ottobre, dove si è ripresentata anche la Mediterranea holding (la New company alla quale partecipa anche la regione Sicilia); nel frattempo dal 10 novembre 722 dipendenti sono stati ammessi alla cassa integrazione straordinaria, e sono stati promulgati altri due bandi di vendita di 7 delle 16 navi che formano l’equipaggio.
Ed infine il 21 gennaio inizia la fase di ammissione al passivo di Tirrenia di navigazione s.p.a.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
La Tirrenia di Navigazione S.p.A:Un Caso di Crisi _ _______________ 4 Premessa La tesi mira ad analizzare la Crisi, ma non di una semplice impresa privata, bensì di un’Impresa a Partecipazione Statale. Per Crisi s’intende “Turbamento Profondo” della struttura economico- finanziaria, di un’azienda che deriva dal mancato adeguamento di quest’ultima al mercato. Lo Stato interviene di fronte a casi di crisi principalmente in due circostanze: quando in difficoltà è un’azienda che per dimensioni, in termini di personale e fatturato, ha un’importanza tale, che un’eventuale liquidazione e chiusura genererebbe un notevole impatto sociale, causando un altissimo numero di disoccupati. Altro caso in cui i pubblici poteri sono chiamati ad intervenire è quando, lo Stato è il soggetto economico dell’impresa, e quindi è il soggetto a capo della gestione (o almeno teoricamente per via del sistema di delega delle funzioni e poteri), a cui spetta direttamente l’individuazione della crisi e valutazione dell’effettiva possibilità di risanare o no l’azienda. Ed è per questo che la disciplina giuridica, ha introdotto nel corso della storia, diversi strumenti che sono a disposizione dello Stato, per poter operare in queste situazioni, come l’amministrazione straordinaria di grandi imprese in crisi e la cassa integrazione, soluzioni differenti che però molto spesso hanno avuto nella realtà il medesimo esito, ossia di perpetuare lo status quo non risolvendo la situazione di crisi dell’impresa.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

crisi
soggetto economico pubblico
contributi statali
gruppo tirrenia
carrozzoni di stato

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi