Skip to content

Il cinema di Suzuki Seijun

Informazioni tesi

  Autore: Luca Guerra
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi Ca' Foscari di Venezia
  Facoltà: Studi Orientali
  Corso: Lingue e Civiltà Orientali
  Relatore: Roberta Novielli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 112

Nel 1948 Suzuki aveva appena concluso gli studi liceali e sostenne senza successo gli esami di ammissione per l'Università di Tōkyō 東京大学. Nonostante non avesse particolari ambizioni cinematografiche, lo stesso anno decise di tentare l'esame d'accesso alla Shōchiku. Le grandi case di produzione cinematografica erano in un periodo di ripresa dopo il blocco dovuto alla Seconda Guerra Mondiale, e Suzuki fu ammesso come aiuto regista. Lavorò negli studi di Ōfuna 大船 per circa sei anni, facendo esperienza con diversi registi, ed entrando come collaboratore fisso nello staff di Iwama Tsuruo 岩間鶴夫. Nel 1954, passò alla Nikkatsu, stimolato dalla possibilità di diventare regista a contratto dopo un breve periodo di apprendistato, e attratto da uno stipendio più alto. Il lago nero di Yamamura Sō, fu il primo lavoro da aiuto regista nella nuova azienda. In quell'occasione fece conoscenza per la prima volta con Kimura Takeo, passato dalla Daiei 大 映 alla Nikkatsu nel 1955. Imamura Shōhei, che aveva seguito lo stesso percorso di Suzuki, era a capo della seconda unità. La prima impressione che Kimura ebbe di Suzuki non fu particolarmente positiva: non vedeva in lui una passione particolare per il cinema ed era poco propenso a partecipare a discussioni che riguardavano i film; quando si conobbero “era aiuto regista per la prima volta, e non capivo bene se avesse qualche talento, però era una persona che diceva cose interessanti quando beveva”. Nei due anni di apprendistato ebbe occasione di entrare a far parte dello staff di Noguchi Hiroshi 野口博 志 , che lui considerò sempre come suo maestro. Takeda Kazunari 武 田 一 成 , che fu aiuto regista sia di Suzuki che di Noguchi, ricorda che quest'ultimo era molto professionale sul set, cercando inoltre di avere un rapporto autoritario ma di fiducia con gli attori; era inoltre un appassionato giocatore di mahjong, e provava particolare simpatia per coloro che ogni tanto gli concedevano una sfida.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1.1 L’esperienza bellica Nel 1943, periodo di massimo sforzo del Giappone nella Seconda Guerra Mondiale, il governo attivò un piano di mobilitazione degli studenti, durante il quale venne reclutato anche il ventenne Suzuki Seitarō 鈴木清太郎 . Se gli si chiedesse di raccontare quella che è stata la sua esperienza, sicuramente rispon- derebbe con un paio di aneddoti poco lusinghieri per la marina giapponese e con un tono quasi farsesco. L'episodio che ritiene emblematico per spiegare l'impressione che ha lasciato in lui il periodo di servizio, riguarda l'affondamento da parte della flotta statunitense della nave in cui si trovava durante un trasferimento tra le Filippine e Taiwan. Nonostante l'attacco abbia provocato una decina di vittime, soldati che si trova- vano sul ponte della nave nel momento del bombardamento, egli non riesce a vedere la tragicità della situazione. Il modo in cui si svolse riporta alla sua memo- ria una scena buffa, che sembra uscita da un film di Charlie Chaplin piuttosto che dal racconto di un reduce di guerra. Il comandante della nave fece allineare i soldati sul ponte, e ordinò a due sottoposti di gettare i cadaveri in mare; come ulti- mo saluto, un altro soldato suonava alcune notte alla tromba prima di ogni lancio. Era un modo per mantenere il decoro di un funerale improvvisato, ma per Suzuki il suono della tromba che si alternava col tonfo dei corpi in mare creava un’asso- nanza ridicola. Successivamente, prima che tornassero gli aerei americani, si 6

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

cinema
giapponese
opera
action
taisho
suzuki
yakuza
seijun
nikkatsu
farfalla
mirino
shishido
jo
kimura
takeo
ninkyo
zigeunerweizen
pistol

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi