Skip to content

''Il sorriso della Mezzaluna'': l'Islam tra stereotipi ed ironia

Informazioni tesi

  Autore: Valeria Marsala
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi dell'Insubria
  Facoltà: Scienze della Mediazione Interlinguisstica e Interculturale
  Corso: Lingue e letterature straniere
  Relatore: Alessandro Ferrari
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 99

Nell'immaginario collettivo della società Occidentale, il termine Islam è sentito con diffidenza, immancabilmente associato all'intero Mondo Arabo e necessariamente collegato al terrorismo. Questa paura irrazionale del Diverso, o islamofobia, è ulteriormente fomentata dai politici e dai media che tendenzialmente enfatizzano le differenze e le occasioni di scontro tra le due culture e pongono invece in secondo piano gli elementi che potrebbero avvicinarle.
Anche da parte islamica c'è una chiusura nei confronti del Mondo Occidentale soprattutto perché il numero di immigrati è in continuo aumento. Temono la cancellazione della loro stessa identità e quindi, spesso, si chiudono in loro stessi, nelle loro tradizioni, e rifiutano di interessarsi all'Altro.
Questa limitata visione di entrambe le culture preclude così ogni reale possibilità di una reale comunicazione e conoscenza.
L'episodio delle vignette danesi è solo uno dei tanti esempi in cui un'occasione di incontro e di dibattito costruttivo che avrebbe potuto insegnare molto ad entrambi si è trasformata in uno scontro, anche violento, che ha spinto le parti ad arroccarsi con ancora maggiore determinazione sulle rispettive posizioni.
Da una parte l'Europa ha difeso prima di ogni altra cosa la sua libertà d'espressione senza voler ascoltare le ragioni islamiche, dall'altra ci sono state manifestazioni nella maggior parte delle città europee e reazioni violente in buona parte dei territori Arabo-musulmani. Queste ultime hanno convinto ulteriormente l'Occidente del fatto che l'Islam sia una cultura completamente incapace di leggerezza ed ironia cosa quanto mai lontana dalla realtà effettiva. Troviamo infatti tracce dell'ironia del Mondo Arabo-islamico fin dai tempi più antichi.
Queste due culture hanno molto più in comune di quanto non siano disposte ad ammettere e ad accettare. Ad esempio entrambe hanno sempre usato l'ironia come valvola di sfogo tanto più sfruttata con regimi opprimenti e liberticidi.
E' necessario che entrambe le culture abbandonino le tradizionali posizioni di antagonismo ed inizino un reale processo di conoscenza reciproco.
La stretta convivenza, infatti, è la certezza del domani e l'integrazione è quindi necessaria per garantire una pacifica coesistenza attraverso il rispetto delle peculiarità culturali.
La scuola deve svolgere un importante ruolo in tutto questo. Infatti è qui che vengono creati i cittadini di domani ed è quindi fondamentale che offra l'opportunità di conoscere le culture Altre.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
6 Introduzione Quando un cittadino medio occidentale sente o legge la parola «islam» la sua mente richiama immancabilmente l’immagine di un arabo a sua volta necessariamente associato al terrorismo. Raramente si rende conto che questo termine fa riferimento ad un sistema di fede i cui credenti sono circa un miliardo e mezzo di cui solo una minoranza (il 20%) ha origini arabe: una minoranza dunque che, per quanto goda di una sorta di diritto di primogenitura, non può rappresentare la totalità di una comunità composta e variegata quant’altre mai 1 . Mediamente, inoltre, il mondo islamico viene stereotipato come un sistema culturale completamente incapace di concepire la democrazia: donne con il velo e sottomesse, regimi militari, lapidazioni, divieto della libertà di espressione e via dicendo sono pensate come realtà immodificabili proprie non solo della cultura islamica, ma di ogni singolo fedele. Questa tendenza alla generalizzazione impedisce di vedere questa religione come una realtà che non solo è attraversata da diverse correnti, ma è anche e soprattutto composta da esseri umani con bisogni e sentimenti uguali agli altri. Negli ultimi anni, l’umma, si sta disperdendo sull’intero pianeta sia a seguito dell’aumento del numero di migranti, sia perché il numero di convertiti all’islam è in continua crescita. Si stanno producendo (…) processi di meticciato, di ridefinizione in cui ciascuno avrebbe qualcosa da offrire e qualcosa da imparare 2 . Purtroppo entrambe le civiltà non sono ancora in grado di superare i rispettivi pregiudizi che, uniti al timore della perdita della propria identità, le spinge ad arroccarsi sulle proprie idee e a chiudersi in loro stesse senza lasciare alcuno spazio al confronto. La politica e i mass media contribuiscono in maniera determinante a mantenere viva questa comune propensione all’astio e alla contrapposizione, al timore irrazionale e al rifiuto del Diverso. 1 P. Branca, Il sorriso della mezzaluna: umorismo, ironia e satira nella cultura araba, Carocci, Roma 2011, p. 82 2 P. Branca, Yalla Italia. Le vere sfide dell’integrazione di arabi e musulmani nel nostro paese, Edizioni Lavoro, Roma 2007, p. 26

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

islam
ironia
stereotipi
islamofobia
vignette danesi
scuola di mazzara del vallo
kurt westergaard

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi