Skip to content

Il metodo dei multipli nella valutazione delle aziende. Il caso di Banca Carige.

Informazioni tesi

  Autore: Gennaro Russo
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli studi di Napoli "Parthenope"
  Facoltà: Economia
  Corso: Management e controllo d'azienda
  Relatore: Stefano Pozzoli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 104

Il tema della valutazione aziendale è divenuto, nel corso degli ultimi anni, un tema fondamentale all’interno della vita aziendale, che sta riscuotendo sempre maggior interesse da parte di studiosi e professionisti aziendali. Nel corso del tempo, soprattutto negli ultimi anni, le logiche, le metodologie e le procedure di valutazione si sono sempre più affinate e moltiplicate. Dopo aver chiarito, seppur non nel minimo dettaglio, le principali caratteristiche della valutazione d’azienda, andremo ad analizzare, sempre all’interno del primo capitolo, un concetto che sta riscuotendo sempre maggior interesse: il cosiddetto Giudizio Integrato di Valutazione, che significa il passaggio dalle formule valutative al processo valutativo basato su tre pilastri, tra cui i multipli. Nella valutazione relativa, si stima il valore di un’attività sulla base dei prezzi di mercato di attività simili. In pratica, si comincia con il tradurre in termini di multipli e si procede con il confrontare questi multipli con le imprese considerate comparabili. Un multiplo, infatti, è sempre un rapporto tra un prezzo (come P o EV) e una variabile – chiave, che dovrebbe essere la più importante tra le variabili determinanti del prezzo. La costruzione di moltiplicatori veri ed efficaci non è semplice come può sembrare, in quanto non basta la semplice costruzione di rapporti per utilizzare tale metodo. I multipli, per essere utilizzati con efficacia nel processo valutativo, devono essere anche di qualità: ciò deriva dal rispetto di alcuni attributi (tra cui normalità e ordinabilità), che rendono i multipli stimatori affidabili del valore aziendale. Un utilizzo così crescente come si è avuto in questi anni nell’impiego di tale metodologia deriva principalmente dai vantaggi associati ai multipli, legati principalmente alla facilità d’uso e all’agevolezza rispetto alle metodologie di valutazione tradizionali. Nonostante il “boom” che ha colpito questo metodo, molti studiosi e professionisti lo ritengono come un semplice metodo di controllo “secondario”, principalmente a causa di limiti al suo impiego, derivante da una non totale affidabilità in termini di razionalità e neutralità. Infatti, i multipli non sono degli indicatori “precisi” di valore ma sono, invece, degli “stimatori distorti e approssimativi” del valore, e l’obiettivo principale dell’analista è quello di costruire in modo ottimale i rapporti e impostare correttamente tutte le fasi del processo, al fine di ridurre al minimo tali distorsioni. L’uso dei multipli ha registrato nel corso dell’ultimo decennio una rapida crescita, grazie ad alcuni fattori fondamentali, come la lievitazione dei prezzi di borsa, la cresciuta importanza degli intangibles, il vantaggio informativo riconosciuto ai multipli, l’enorme sviluppo dei mercati finanziari e l’incremento delle operazioni di fusione e acquisizione. Nel prosieguo, inoltre, faremo una suddivisione tra due sotto – categorie del metodo dei multipli, distinguendo tra metodo delle società comparabili e metodo delle transazioni comparabili. Le due categorie non si discostano molto l’una dall’altro, se non per il fatto che, mentre la prima tipologia determina il valore di un’impresa sulla base dei prezzi di borsa che il mercato assegna a soggetti economici comparabili alla società oggetto di valutazione, il metodo delle transazioni comparabili non fa riferimento ai prezzi di borsa, bensì ai prezzi negoziati in relazione a cessioni fuori del mercato di borsa di pacchetti societari di aziende comparabili. Nel capitolo 2 ci occuperemo più nel dettaglio del metodo delle società comparabili (o metodo dei moltiplicatori di borsa), evidenziandone i tratti distintivi e analizzando i principali moltiplicatori di riferimento. Dopo aver analizzato nel dettaglio il “cuore” di questa trattazione, si è ritenuto necessario e utile impostare anche un discorso completo, ma da approfondire in sedi diverse, sulle altre metodologie di valutazione, cosiddette “tradizionali”, che hanno monopolizzato per molti anni l’attenzione di studiosi e analisti del settore. Per quanto riguarda la stima del valore di una banca, questa si fonda anch’essa sui principi generali di valutazione di azienda elaborati dalla dottrina per le aziende tradizionali, seppur in parte modificati per tenere conto delle peculiarità che caratterizzano il business bancario. In particolare, nella nostra trattazione analizzeremo solo il caso della valutazione delle banche tramite il metodo dei multipli, tralasciando le caratteristiche e le peculiarità di valutazione con le metodologie tradizionali.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE “Essere vincenti sul mercato dipende dalla capacità di creare valore per gli azionisti, un valore che deriva dai ritorni dei cash flow. I manager, sia a livello di singola unità operativa che di capogruppo, devono ampliare la propria concezione di strategia: devono gestire il valore”. Copeland T. Kotter T. Murrin J. (2002) Come si capisce chiaramente dalle parole di questi tre importanti studiosi, il tema della valutazione aziendale è divenuto, nel corso degli ultimi anni, un tema fondamentale all’interno della vita aziendale, che sta riscuotendo sempre maggior interesse da parte di studiosi e professionisti aziendali. E’ sorto così, sulla base di un crescente studio e interesse della materia, la cosiddetta “Teoria di creazione del valore”, che sancisce come obiettivo primario dell’azienda non sia più la produzione di reddito, quanto piuttosto la “creazione di valore”. In conseguenza di questo spiccato interesse e della nascita e diffusione di questa nuova visione value – based, si sono diffusi metodi di valutazione il cui intento è quello di cogliere e quantificare questa nuova dimensione aziendale. Nel corso del tempo, soprattutto negli ultimi anni, le logiche, le metodologie e le procedure di valutazione si sono sempre più affinate e moltiplicate. Nel primo capitolo di tale tesi di laurea, verranno analizzate dapprima le dinamiche del processo valutativo e le cause che hanno portato a incrementare le occasioni in cui si rende necessario procedere ad effettuare una valutazione. Come analizzeremo nel dettaglio, un utilizzo più

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

valutazione d'azienda
capitale economico
multipli
metodi di valutazione
società comparabili
asset side
equity side
metodi tradizionali
valutazione relativa
transazioni comparabili
moltiplicatori di borsa
banca carige

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi