Skip to content

La concorrenza sleale per interposta persona

Informazioni tesi

  Autore: Antonello Cani
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Elisabetta Loffredo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 75

La concorrenza sleale consiste nell'utilizzare tecniche e mezzi illeciti per ottenere un vantaggio sui competitori o per arrecare loro un danno.
La legge garantisce l’esistenza di un ordine concorrenziale attraverso la fissazione di regole che garantiscano la libertà di azione dell’individuo. La concorrenza è un elemento fondamentale di un ordinamento che assicura il perseguimento della dignità dell’uomo
Un atto di concorrenza sleale può essere commesso mediante un pactum sceleris. Letteralmente, il pactum sceleris (“patto di scelleratezza” o meglio “patto per il delitto”) è l’accordo raggiunto tra due o più soggetti per commettere una o più azioni delittuose. Si costituisce così, in pratica, l’associazione a delinquere. Il pactum sceleris coinvolge, quindi, quei soggetti che, riunitisi in un sodalizio criminoso, agiscono nella piena coscienza e volontà di farvi parte, attraverso la realizzazione di una serie anche indeterminata di delitti.
La tesi si concentra proprio sulla rilevanza del ruolo del terzo interposto nell'ambito della concorrenza sleale comprendendo le varie problematiche, sempre molto attuali, sull'inquadramento di questo soggetto.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO I: LA FIGURA DELL'EXTRANEUS NELL'AMBITO DELLA DISCIPLINA DELLA CONCORRENZA SLEALE §.1 La nozione di concorrenza sleale: inquadramento della fattispecie come forma patologica dell'iniziativa economica privata e limiti alla concorrenza La concorrenza sleale consiste nell'utilizzare tecniche e mezzi illeciti per ottenere un vantaggio sui competitori o per arrecare loro un danno 1 . Gli atti di concorrenza sleale si configurano quando al principio di leale competizione nel settore economico si oppongono fattori di distorsione che alterano in maniera illecita la concorrenza di più soggetti giuridici sul mercato. Solo un sistema concorrenziale può garantire condizioni di pari opportunità di accesso al processo produttivo, consentendo per questa via il pieno sviluppo delle potenzialità della personalità (art. 3 co2 cost.) 2 . 1 FERRI, M., Manuale di diritto commerciale, Torino, 2010, 148; GHIDINI, G., la concorrenza sleale, in Giur. sist. di dir. civ. e comm., Torino, 2001, 14s; Secondo la giurisprudenza (cfr. Cass. civ., 30 luglio 1996, n. 6887, in Dir. ind., 1997, I, 131), la concorrenza sleale consiste in attività dirette ad appropriarsi illegittimamente dello spazio di mercato ovvero della clientela del concorrente, che si concretizzano nella confusione di segni prodotti, nella diffusione di notizie e di apprezzamenti sui prodotti o sull'attività del concorrente o in atti non conformi alla correttezza professionale; con la conseguenza che l'illecito non può derivare dal danno commerciale in se, né nel fatto che una condotta individuale di mercato produca diminuzione di affari nel concorrente, in quanto il gioco della concorrenza rende legittime condotte egoistiche, dirette al perseguimento di maggiori affari, attuate senza rottura delle indicate regole legali della concorrenza. 2 E' necessario delineare alcuni cenni storici sulla disciplina in discorso. In Italia, sull'esempio della Francia, la giurisprudenza cominciò ad applicare a tutte le ipotesi di comportamenti sleali l'art.1151 c.c. del 1865, secondo cui «qualunque fatto dell'uomo che arreca danno ad altri, obbliga quello per colpa del quale è avvenuto a risarcire il danno». La concorrenza sleale fu, così, considerata una species del generale illecito civile. La prima norma emanata per reprimere la concorrenza sleale è quella introdotta con la Convenzione Internazionale di Parigi del 1883; ma fu solo con la conferenza di revisione nella convenzione di Bruxelles dell'11 dicembre 1900 che venne aggiunto al testo della Convenzione generale l'art.10 bis all'effetto di 3

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi