Skip to content

La critica alla democrazia nel Dizionario di politica del P.N.F. del 1940

Informazioni tesi

  Autore: Michele Serena
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1999-00
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Saffo Testoni Binetti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 131

Università degli Studi di Bologna
Facoltà di Scienze politiche
Indirizzo storico-politico
Tesi di laurea in: Storia delle dottrine politiche
Titolo: «La critica alla democrazia nel Dizionario di politica del P.N.F. del 1940»
Candidato: Michele Serena
Relatore: Prof.ssa Saffo Testoni Binetti

RIASSUNTO SINTETICO
Questo lavoro, trattando un aspetto fondamentale della dottrina fascista come la critica alla democrazia, ha inizialmente valutato lo stato degli studi storiografici sulla cultura e sull’ideologia fasciste, cercando di stabilire quali fossero i principali risultati raggiunti. Si è sentita anche la necessità di ripercorrere le principali definizioni di democrazia e di ricostruire in parte l’evoluzione dell’idea democratica. A questo punto, prima d'iniziare l’analisi del Dizionario di politica del P.n.f. del 1940, si sono formulate alcune ipotesi sulla nascita, sullo sviluppo e sulla funzione dell’opera in questione, ed è stato fornito un profilo biografico dei principali collaboratori. Lo studio dell’opera è stato svolto in quattro fasi: a) analisi della critica portata ai valori e alla mentalità borghesi; b) analisi della critica alla democrazia come sintesi di determinati principi morali e politici; c) analisi della critica rivolta alle istituzioni democratiche; d) analisi del progetto politico fascista e dell’idea di Stato nel fascismo.

METODOLOGIA SEGUITA
Il principale metodo d’analisi è consistito in uno studio puntuale dei testi contenuti nel Dizionario di politica. L’oggetto dell’indagine è stato considerato da due punti di vista: da un lato, l’opera è stata considerata come un insieme di contributi di singoli studiosi, dei quali si è tentato di mettere a fuoco le varie personalità intellettuali; da un altro lato, si è considerato il Dizionario di politica come un’opera unitaria, latrice di un unico messaggio destinato ai giovani del regime. Il tutto è stato inserito in una cultura d’epoca, in particolare la cultura politica fascista, per ricostruire la quale ci si è serviti di una serie di opere storiche e di testi critici. È bene specificare che questo lavoro è stato portato avanti principalmente, ma non esclusivamente, sulla base dell’interpretazione dell’opera considerata come unitaria: scopo centrale di questo lavoro è stata l'individuazione del tipo di messaggio, in particolare del giudizio sulla democrazia, che si desiderava esprimere tramite la pubblicazione del Dizionario di politica.

PRINCIPALI RISULTATI RAGGIUNTI
Un importante risultato di questo lavoro consiste nell’aver affrontato lo studio di uno strumento, il Dizionario di politica, non ancora adeguatamente analizzato dalla storiografia sul fascismo, ritenendo che sia un’opera molto utile per la comprensione della mentalità fascista e della cultura che questa esprimeva. Attraverso l’analisi del testo si è tentato di dare, in primo luogo, un contributo alla definizione del profilo intellettuale di autori e di intellettuali con la cui cultura facciamo i conti ancora oggi; ma, scopo principale di questo lavoro consiste in un tentativo di offrire una maggiore comprensione del fenomeno fascista, in particolar modo nei suoi aspetti ideologici e culturali. Questa indagine, essendosi svolta primariamente all’interno dello strumento oggetto di studio, intende rendere esplicito ed analizzare il messaggio che dai livelli alti della cultura di regime giungeva ai giovani italiani, principali destinatari della dottrina politica che tramite il Dizionario di politica si cercava di diffondere. In particolar modo, il messaggio oggetto di studio riguardava l’intenzione degli autori del Dizionario di politica di proporre il fascismo come alternativa, moderna e popolare, al sistema democratico e liberale, di cui il sistema mussoliniano intendeva essere una sintesi e un superamento.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Il Dizionario di politica si aggiunge alle iniziative che il P.N.F. ha attuato al fine della preparazione culturale e spirituale delle nuove generazioni del Littorio. Esso costituisce una prima presa di posizione di fronte all�innumerevole serie dei fatti pi� propriamente suscettibili di valutazione politica; esprime, cio�, nel suo complesso, i valori morali e culturali nei quali il Fascismo crede e per i quali opera e combatte. 1 Cos� il vice segretario del P.N.F. Fernando Mezzasoma introduce il Dizionario di politica, opera in 4 volumi pubblicata dal partito e dall�Istituto dell�Enciclopedia Italiana Treccani nel 1940. Una iniziativa che intendeva �dare una revisione fascista del valore dei fatti e delle idee� 2 e che, quindi, pu� essere presa in considerazione in quanto summa del pensiero e della dottrina del regime in quel determinato periodo di evoluzione, in quanto �il Fascismo � rivoluzione in atto, � movimento e vita� 3 , e alla quale pu� essere attribuito un �significato non vagamente politico [...], [un] intento di orientamento pedagogico-politico e di indicazione dei criteri del giudizio politico stesso � 4 . Questo lavoro intende analizzare la critica che gli autori del Dizionario di politica hanno portato al concetto di democrazia e ai sistemi democratici. Il nostro interesse si � rivolto fondamentalmente a quelle voci attinenti alla storia delle dottrine politiche e all�argomento trattato: constatata la presenza nel Dizionario di politica di un considerevole numero di voci geografiche, militari, storiche, giuridiche, economiche non rilevanti ai fini della nostra ricerca, una selezione del materiale da prendere in esame si � rivelata quindi necessaria. Attraverso lo studio della critica alla democrazia sviluppata dai principali intellettuali italiani che collaborarono alla stesura del Dizionario, si cercher� di capire se l�opposizione fascismo-democrazia costituiva uno scontro frontale tra due distinte e radicalmente diverse Weltanschauungen, assolutamente divergenti per quanto riguarda mezzi e fini dell�agire politico; oppure se il fascismo si poneva su un piano di rivalit� e concorrenza con la liberaldemocrazia nell�ambito della gestione ed integrazione delle masse da poco comparse sulla scena politica nazionale ed internazionale a causa del terremoto sociale provocato dalla prima guerra mondiale 5 . 1 F. MEZZASOMA, Premessa, in AA.VV., Dizionario di politica, 4 voll., Roma, 1940, P.n.f.-Treccani. A quest�opera si far� d�ora in avanti riferimento con l�abbreviazione Diz.�40. 2 Ibidem. 3 Ibidem. 4 S. TESTONI BINETTI, Momenti del dibattito sull�utopia politica.I dizionari di politica italiani., in N. MINERVA (a cura di), Per una definizione dell�utopia.Metodologie e discipline a confronto, Ravenna, Longo, pp.317-337. 5 �Le conseguenze della I guerra mondiale sono considerate dagli storici simili a quelle della rivoluzione francese. L�impressione che la guerra era stata l�inizio d�un mutamento radicale in tutte le forme della vita civile era gi� diffusa nella coscienza dei contemporanei.� in E. GENTILE, Le origini dell�ideologia fascista, Bari, 1975, Laterza, p.53.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

democrazia
dizionario di politica
educazione politica
fascismo
stato
storia delle dottrine politiche
ideologia fascista
partito nazionale fascista

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi